CAN 5 Élite, Galante: “Per vincere dobbiamo essere una squadra”

CAN 5 Élite, Galante: “Per vincere dobbiamo essere una squadra”In tarda mattinata si è conclusa a Milano Marittima la tre giorni di raduno della Commissione Arbitri Nazionale di Calcio a 5 Élite incentrata sulla formazione tecnica dell’organico. Durante l’incontro sono state illustrate anche le principali novità introdotte nel mondo Futsal con l’intervento di diversi ospiti.

“Porto i saluti del Presidente Alfredo Trentalange, del Vice Presidente Duccio Baglioni e di tutto il Comitato Nazionale. Ringrazio la Divisione del Calcio a 5 rappresentata dal Presidente Luca Bergamini e dal Consigliere Andrea Farabini perché se sono stati raggiunti certi obiettivi è anche grazie a voi. Stiamo andando avanti tutti nella stessa direzione. Bisogna ancora lavorare, ma sono convinto che insieme possiamo contribuire maggiormente alla crescita del Futsal” ha affermato Luca Marconi, Componente del Comitato Nazionale. In seguito, rivolgendosi all’organico: “Vi abbiamo fornito gli strumenti necessari affinché possiate sfruttare al meglio ogni opportunità; ora, ognuno di voi ha il compito e il dovere di dare il massimo”.

La parola è poi passata al Componente del Consiglio Direttivo delegato per i rapporti con l’AIA, Andrea Farabini, che, dopo aver portato i saluti del Presidente Luca Bergamini, ha affermato: “La delega che mi è stata conferita l’ho voluta fortemente per cercare di fare squadra con voi. Il nostro intento è quello di eliminare i tabù che ci sono tra le società e gli arbitri. Noi tutti siamo il Futsal, quello che ci unisce è la passione. La Divisione - ha proseguito Farabini - ha investito cospicue risorse economiche per avere a disposizione gli strumenti che vi permetteranno di migliorare la vostra performance in quanto la formazione è fondamentale per la crescita tecnica”.

“I rapporti di reciproca lealtà, rispetto e collaborazione possono portare soltanto al raggiungimento di obiettivi importanti” ha affermato il Responsabile della CAN 5 Élite Angelo Galante nel ringraziare la Divisione del Calcio a 5. “Da parte nostra ci sarà il massimo impegno per noi stessi e per quello che è il movimento del Futsal”.

Ricollegandosi al discorso di Galante, il Responsabile della CAN 5 Franco Falvo ha affermato: “Insieme ad Angelo, a Francesco e a tutta la governance dell’AIA, sono sicuro che riusciremo a raggiungere gli obiettivi prefissati. Voi - rivolgendosi all’organico - dovete andare in campo e fare una prestazione di qualità, perché solo attraverso i vostri comportamenti, il vostro lavoro, la vostra professionalità ci darete una mano ad aprire porte che sembrano chiuse”.

Il Responsabile dell’Ufficio del Giudice Sportivo, Marco Biagini, invece, si è complimentato con gli arbitri per la puntualità nell’invio del Referto di gara, ma ha ricordato anche che durante le Final Eight il referto dovrà essere compilato al termine della partita.

Per gli arbitri dell’organico della CAN 5 Élite, la seconda giornata del raduno ha preso avvio di buon mattino con la rilevazione del peso a digiuno da parte di Antonio Vico, Componente del Modulo Bio-Medico, che, servendosi di una bilancia impedenziometrica, ha rilevato l’indice di massa corporea. I valori così ottenuti, sono stati confrontati con quelli raccolti durante l’ultimo raduno, non riscontrando aumenti o diminuzioni di peso rilevanti.
Successivamente, Marco Ladisa, Componente del Modulo Preparazione atletica, e i suoi collaboratori, Francesca Zitti e Luigi Zaccarini, hanno valutato le performance atletiche dell’organico. Presso il palazzetto di Milano Marittima, i 44 arbitri, dopo una fase iniziale di riscaldamento, sono stati divisi in batterie da sei persone ciascuna e hanno effettuato prima il test 4x10 e, in seguito, l’Ariet Test riportando risultanze più che soddisfacenti.

Nel pomeriggio di sabato 18 e nella mattinata di domenica 19, sono proseguiti i lavori di match analysis condotti dal Responsabile Galante insieme ai Componenti Giovanni Cossu e Nicola Gisondi nonché al Responsabile del Modulo Formazione e perfezionamento tecnico Andrea Liga.
Nel valorizzare il lavoro di squadra, Galante ha affermato: “Dobbiamo arrivare a prendere la decisione corretta anche con l’aiuto di tutto il team arbitrale. Per vincere dobbiamo essere una squadra”. Il tema della collaborazione è stato affrontato tenendo in considerazione l’utilizzo degli auricolari che avverrà a partire dai primi di gennaio. Galante si è inoltre soffermato sulle trattenute, sui falli di mano e, in particolare, con il contributo di Andrea Liga, sul vantaggio nella DOGSO e nella SPA.

Il raduno CAN 5 Élite è stato curato logisticamente nei dettagli dal Segretario Giuseppe Antonaglia e, sotto la supervisione del medico Antonio Vico, si è svolto in totale sicurezza nel rigoroso rispetto dei protocolli anti-Covid.



Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri