L’AIA e la nuova comunicazione: “Trasmettiamo i nostri valori”

CRA Campania

L’AIA e la nuova comunicazione: “Trasmettiamo i nostri valori”“Si stanno aprendo importanti canali di comunicazione con cui l’Associazione Italiana Arbitri si sta facendo conoscere meglio al mondo esterno. Raccontiamo storie particolari di nostri tesserati che facciano breccia nell’opinione pubblica e comunichiamo le nostre varie attività di formazione e perfezionamento tecnico. Emergeranno la nostra professionalità e i valori che ci uniscono, la nostra essenza che ci fa ‘brillare’ e ci rende ancora più credibili”.
Con queste parole il Componente della Commissione di Studio dell’AIA per il Sito Web e Comunicazione Paolo Vilardi ha aperto la riunione di Redazione dei Referenti Sezionali della Rivista ‘l’Arbitro’ della Campania, prima regione dell’area macrosud ad organizzare l’evento, nella mattinata di lunedì 3 gennaio. L’incontro, che doveva inizialmente tenersi presso i locali del Comitato Regionale, è stato immediatamente convertito in un incontro online a seguito delle direttive nazionali che hanno sospeso tutte le attività in presenza causa i numerosi contagi da COVID 19.
I lavori sono stati guidati dal Componente Nazionale della Commissione Comunicazione, Paolo Vilardi, e dal Referente Regionale della Rivista ‘l’Arbitro”, Antonio Panariello, che hanno intrattenuto i Referenti Sezionali districando quelle problematiche emerse nell’osservanza delle linee guida della nuova comunicazione dell’AIA impartite ad inizio Stagione.
Dopo la presentazione di ogni Referente Sezionale, i relatori hanno analizzato, mediante l’ausilio di alcune slide preparate per l’occasione, tutti gli aspetti che contraddistinguono una comunicazione efficace e cosa è preferibile evitare al fine di raggiungere l’obiettivo comunicativo prefissato. Particolare attenzione è stata dedicata anche alla qualità delle fotografie scattate durante gli eventi ed all’utilizzo sempre più consapevole dei social network.
Ospiti della call, il Direttore Responsabile della Rivista “l’Arbitro” Federico Marchi ed il Componente del Comitato Nazionale Nicola Cavaccini. “Quello dell’AIA è un nuovo percorso comunicativo che abbiamo intrapreso tutti insieme come una grande squadra. Il nostro obiettivo principale è quello di uniformare il più possibile i modelli comunicativi su tutto il territorio nazionale per dare una nuova immagine all’AIA sempre più al passo con i tempi”, questo l’intervento di Marchi seguito da quello di Cavaccini: “Voi Referenti avete il compito di migliorare, con grande senso di professionalità e responsabilità, la qualità dell’immagine delle vostre sezioni, trasferendo all’esterno la nostra essenza ed i nostri valori”. Anche il Presidente del CRA Campania, Alberto Ramaglia, ha portato il suo saluto e quello della Commissione: “La Campania crede fortemente in questo lavoro di comunicazione che state portando avanti con tanta dedizione e sarà sempre disponibile a supportarvi in qualsiasi nuovo progetto vogliate intraprendere per aumentarne e migliorarne la sua visibilità”.
A chiudere i lavori sono state le parole del Referente Regionale Antonio Panariello: “Dopo i primi sei mesi di attività posso dirvi con grande orgoglio che il percorso intrapreso è quello giusto, stiamo remando tutti nella stessa direzione e questo mi fa ben sperare per il futuro. Ringrazio ognuno di voi per l’impegno e la dedizione che state mettendo nello svolgere il ruolo a cui siete chiamati e come mi piace sempre congedarvi ricordate sempre di non accontentarvi: stay hungry, stay foolish!”.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri