A Carlo Pacifici il 10° Premio “Reggio Emilia Città del Tricolore”

A Carlo Pacifici il 10° Premio “Reggio Emilia Città del Tricolore”

Sezione di Reggio Emilia

L’anno solare della Sezione AIA di Reggio Emilia si è concluso nella giornata di venerdì 1 dicembre con la consegna del Premio Reggio Emilia Città del Tricolore, giunto quest’anno alla sua decima edizione.

In una Sala del Tricolore gremita a dare il benvenuto è stato il padrone di casa, il Sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi: “Siamo molto soddisfatti di poter ospitare questa iniziativa: questa non è solo una sala del Comune ma sentitevi come a casa vostra. Il mestiere del sindaco è complicato come quello dell’arbitro perché non troveremo mai tutti d’accordo sulle nostre decisioni”.

La parola è poi passata al Presidente Sezionale Alessandro Ruini, che ha ringraziato le istituzioni e gli associati presenti. A seguire l’intervento del Presidente del Comitato Regionale FIGC-LND dell’Emilia Romagna Simone Alberici: “Siamo uomini liberi e vogliamo portare avanti le nostre idee e le nostre azioni nel rispetto delle regole”. 

Tra i saluti di apertura non poteva mancare quello del Presidente del Comitato Regionale Arbitri dell'Emilia Romagna, Paolo Dondarini: “Congratulazioni ad Alessandro ed al suo team per l’evento, noi come CRA Emilia Romagna vogliamo contribuire a scrivere la storia della nostra Associazione”.

La serata, condotta da Federico Marchi, è entrata poi nel vivo con la consegna dei seguenti premi:

• 10° Premio “Reggio Emilia Città del Tricolore” all’arbitro o al dirigente nazionale che ha dimostrato grandi capacità per il movimento arbitrale assegnato al Presidente dell’AIA Carlo Pacifici, premiato dal Sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi.

• 9° Premio “Sezione di Reggio Emilia” assegnato a Maurizio Ciampi, ex arbitro CAN e attuale dirigente responsabile della CAN C particolarmente distintosi per capacità manageriali nella valorizzazione dei giovani talenti arbitrali in ambito professionistico e semi-professionistico, premiato dall’Assessore allo Sport di Reggio Emilia, Raffaella Curioni.

• 20° Premio “Giovanni Miselli” al dirigente sezionale particolarmente distintosi per l’impegno dimostrato al servizio della Sezione assegnato a Lauro Margini, premiato dal Presidente del Comitato Regionale FIGC-LND dell’Emilia Romagna, Simone Alberici;

• 15° Premio “Paolo Bolondi” all’osservatore nazionale maggiormente distintosi nell’anno solare assegnato a Fabio Terranova, premiato dal Responsabile della CAN C, Maurizio Ciampi;

• 5° Premio “Gino Giglioli” all’assistente particolarmente distintosi a livello nazionale assegnato a Mattia Scarpa, premiato dai Componenti del Comitato Nazionale dell’AIA, Katia Senesi e Luca Marconi;

• 1° Premio “Cesare Trinchieri” all’arbitro particolarmente distintosi a livello nazionale assegnato a Michele Delrio, premiato dal Presidente del CRA Emilia Romagna, Paolo Dondarini.

• Premio “Sezione di Reggio Emilia” all’arbitro della stagione in corso che ha debuttato nella categoria superiore con ottimi risultati assegnato a Lorenzo Zorzi, premiato dal Responsabile della Commissione Arbitri Nazionale per il Calcio a 5 – Serie A (CAN 5 Elite), Angelo Galante.

• Ulteriori premi sezionali sono stati assegnati agli associati Gabriele Fava, Andrea Mussini e Lina Basraoui.

Tra i momenti più coinvolgenti che hanno preceduto la cena di gala sicuramente la consegna del Premio “Reggio Emilia Città del Tricolore” al Presidente dell’AIA Carlo Pacifici e del Premio “Sezione di Reggio Emilia” al Responsabile della CAN C Maurizio Ciampi.

Pacifici succede nell’albo d’oro a storici arbitri e dirigenti dell’AIA come Lanese (2003), Collina (2005), Gussoni (2007), Farina (2009), Nicchi (2011), Rizzoli (2013), Trentalange (2015), Rocchi (2017) e Orsato (2019). Dopo un filmato che ha ripercorso le tappe principali della sua carriera e la consegna dalle mani del Sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi, del premio e di una copia del primo tricolore a bande orizzontali, il Presidente dell’AIA si è rivolto ai presenti con queste parole: “Le nostre Sezioni sono presidi di legalità. L’art 33 della nostra Costituzione dà allo sport un valore educativo e sociale. Lo sport deve essere un luogo dove veniamo accolti, accettati, amati per quello che siamo e non esiste uno sport senza regole. Siamo noi le sentinelle delle regole. Bisogna lavorare sulla cultura della vittoria ma anche e soprattutto su quella della sconfitta, che è più difficile da accettare ma fa parte dello sport. Noi ce la mettiamo tutta, anche se sappiamo benissimo che è più facile stare alla finestra e criticare che scendere in campo ed essere protagonisti. Vi auguro di guardare l’AIA con gli occhi di quando abbiamo varcato per la prima volta la soglia della Sezione: solo così possiamo guardare al futuro”.

Molto emozionato anche Ciampi nel ricevere la targa celebrativa da parte dell’Assessore allo Sport Raffaella Curioni dopo aver assistito ad un video celebrativo della sua carriera arbitrale e dirigenziale. “È un grande piacere ricevere un premio così prestigioso in un luogo storico così importante. Vi ringrazio tutti. Questo video ha fatto riaffiorare bellissimi ricordi che ho vissuto anche con alcuni presenti”, ha dichiarato il Responsabile della CAN C, ricordando gli anni trascorsi insieme ad Alessandro Ruini, Daniele Iori e Massimo Melloni.
 

 

In copertina, il Sindaco Vecchi consegna il Premio “Reggio Emilia Città del Tricolore” a Pacifici.

In gallery:

1-2: Sala del Tricolore e platea;
3-6: i saluti di apertura di Vecchi, Ruini, Alberici e Dondarini;
7: Galante premia Zorzi;
8: Alberici premia Margini;
9: Ciampi premia Terranova;
10: Senesi e Marconi premiano Scarpa;
11: Dondarini premia Delrio;
12: Curioni premia Ciampi;
13-15: Pacifici;
16: Foto di gruppo dei premiati;
17-19: Pacifici, Marconi e Senesi premiano Fava, Mussini e Basraoui;
20: Pacifici, Ruini e Ciampi.

 

 

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri