Al raduno Precampionato il Presidente Crispo: “La scalata verso la vetta: i dettagli faranno la differenza”

Al raduno Precampionato il Presidente Crispo: “La scalata verso la vetta: i dettagli faranno la differenza”

CRA Liguria

L’arbitraggio paragonato ad una scalata verso la vetta dell’Everest. Così Andrea Crispo, nuovo Presidente alla guida del Comitato Regionale Arbitri della Liguria ha voluto impostare un discorso emotivo e motivazionale all'organico che ha affrontato il raduno di inizio Stagione presso l'hotel di Loano 2 Village. 

Dopo un pomeriggio dedicato alla presentazione dei Componenti e Referenti della squadra del CRA Liguria, e un lavoro sulla gestione del match da parte del Componente e Responsabile dell’Eccellenza Marco Ivaldi, Crispo ha dedicato l’intera serata del primo giorno di lavori ad un confronto a cuore aperto con gli arbitri ed assistenti. Ad ognuno di loro, prima del raduno, era stato chiesto di elencare i propri punti deboli e i propri punti di forza, eseguendo un’autoanalisi su sè stessi. Andrea ha quindi voluto mostrare un video del raduno della Commissione Arbitri Nazionale di Serie D, messo gentilmente a disposizione dal Responsabile Alessandro Pizzi, per motivare i ragazzi a credere in quella che proprio un assistente della CAN D, quando Crispo era Componente per gli assistenti, aveva soprannominato “CANDream”. La serata è stata l'occasione per sottolineare cosa sia necessario per raggiungere la “vetta”: allenamento, conoscenza del Regolamento, preparazione tattica, ma ad esse devono essere aggiunte determinazione, impegno e capacità di rialzarsi nei momenti di difficoltà. 

Sono stati analizzati durante la serata quelli che i ragazzi avevano indicato come i propri punti deboli, suggerendo modalità per affrontarli, vie per superarli e crescere. Il Presidente ha poi sottolineato come già il fatto di conoscerli sia fondamentale per migliorarsi.

Durante il raduno sono stati poi svolti i test atletici e i quiz regolamentari, sottoposti ai ragazzi da parte dal Responsabile del Modulo Formazione e perfezionamento tecnico del Settore Tecnico Gregorio Dall’Aglio e dai Componenti Roberto Cantatore e Marco Caregnato, i quali hanno anche esposto all’organico le novità regolamentari introdotte dalla Circolare n°1 e analizzato diversi episodi video riguardanti i falli di mano e i gravi falli di gioco.

Molti i momenti in cui la squadra CRA ha deciso di lavorare coinvolgendo insieme arbitri, assistenti ed osservatori, ritenendo che insieme si faccia tutti parte di un’unica squadra. Andrea Crispo ha quindi svolto un lavoro sul teamwork: “Tutto l’organico deve andare nella stessa direzione: si vince e si perde insieme. Ricordate che è necessario fare le cose come vengono fatte dove si desidera arrivare per poter raggiungere l’obiettivo che si è prefissato.”

Stefano Baldissin, Responsabile degli assistenti, ha poi trattato con il suo organico la postura e l’estetica nei movimenti degli assistenti nonché le famiglie del fuorigioco. 

Il Vice Presidente Simone Roba ha dedicato una parte importante del raduno a sottolineare quanto sia importante essere arbitri dentro e fuori dal campo, esponendo così ai ragazzi i diritti e doveri degli associati. 

La parte tecnica si è poi conclusa con un incontro dedicato agli osservatori condotto da Luca Amoretti. 

Molte le presenze illustri. Il Vice Presidente dell’Associazione Italiana Arbitri Alberto Zaroli: “Il distintivo dell’AIA è posto alla sinistra del petto, proprio sopra il cuore; attraverso il nostro entusiasmo possiamo diventare il veicolo della nostra Associazione verso l’esterno”. 

Andrea Mazzaferro, Componente del Comitato Nazionale si è così espresso: “Voi ragazzi siete l’orgoglio della nostra Associazione”. 

Sono intervenuti durante il momento istituzionale anche il Presidente della Lega Nazionale Dilettanti della Liguria Giulio Ivaldi, Ugo Maggi Presidente dell' Associazione Allenatori Calcio Liguria, il Giudice Sportivo Gianfranco Ricci e il Componente della Commissione Osservatori Nazionale Dilettanti Alessandro Masini.

Luca Gaggero Responsabile della CON DIL ha esposto ai ragazzi come siano divise le Commissioni fra arbitri e osservatori a partire dalla CAN D e come questo abbia portato una maggiore equità e obiettività di giudizio. 

Importante la presenza del Direttore Responsabile della Commissione Comunicazione e Social dell’AIA Federico Marchi: “La comunicazione verso l’esterno è molto importante per la nostra Associazione: dobbiamo farci conoscere, essere trasparenti e proprio per questo siete voi i primi “influencer” della nostra Associazione”. 

Il raduno è stato impreziosito anche dalla presenza degli associati liguri in forza agli Organi Tecnici Nazionali, tra cui l’osservatore della CON Professionisti Giuseppe Tortora che ha trasmesso la propria esperienza da osservatore all’organico.

L’assistente internazionale Stefano Alassio, invece, ha dispensato dei consigli su come poter raggiungere i massimi livelli: "Per essere pronti alla categoria superiore, dovete avere già la mentalità dell’arbitro e dell’assistente internazionale. Fate la gara con voi stessi e su voi stessi, e non guardate cosa fanno gli altri perché ognuno ha il suo percorso e come in ogni ambito della vita troverete sempre qualcuno più bravo di voi”.

Il Presidente Crispo ha concluso il raduno Precampionato con un video riassuntivo delle 2 giornate affermando: “Fate la gara con voi stessi, non dovete guardare gli altri; nella vita e nell’arbitraggio troverete sempre qualcuno più bravo di voi. La nostra squadra ci sta mettendo grandissimo entusiasmo: adesso tocca a voi; buon Campionato a tutti”.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri