Alberto Zaroli agli arbitri pesaresi: “La vera forza è imparare dagli errori, superando limiti e paure”

Alberto Zaroli agli arbitri pesaresi: “La vera forza è imparare dagli errori, superando limiti e paure”

Sezione di Pesaro

Nella suggestiva cornice del Grand Hotel Vittoria la Sezione AIA di Pesaro ha svolto la propria riunione tecnica con un ospite e relatore d’eccezione, il Vice Presidente dell’Associazione Italiana Arbitri Alberto Zaroli. Un dirigente a tutto tondo che, partendo dalla vicepresidenza della Sezione di Busto Arsizio, ha ricoperto prima la vicepresidenza e poi la presidenza del Comitato Regionale Arbitri della Lombardia, fino a diventare Componente del Comitato Nazionale ed attualmente Vice Presidente dell’AIA.

In apertura il Presidente Sezionale Luca Foscoli ha presentato i vari ospiti: oltre a Zaroli erano presenti, infatti, la Componente del Comitato Nazionale dell’AIA Katia Senesi, il Presidente del CRA Marche Riccardo Piccioni e il Vice Presidente del Comitato Regionale Marche della FIGC-LND Gustavo Malascorta.

Davanti ad una platea gremita di associati provenienti da tutta la provincia, Zaroli ha tenuto un discorso appassionato e motivante, affrontando tematiche di cruciale importanza per il mondo dell'arbitraggio e focalizzandosi su concetti fondamentali come comunicazione, coraggio e carisma. Le sue parole hanno risuonato fortemente nella sala, trasmettendo un messaggio di ispirazione e motivazione a tutti i presenti.

La vera forza è imparare dagli errori, superando limiti e paure”, ha affermato il Vice Presidente dell’AIA. Questo incoraggiamento, carico di significato, ha acceso i cuori degli associati pesaresi, spronandoli ad affrontare le sfide con resilienza e forza di volontà.

Zaroli ha saputo intrattenere la platea con un mix di ironia e sarcasmo ma anche con momenti di profonda riflessione su argomenti importanti, evidenziando come il senso di appartenenza all’AIA si rifletta in momenti e situazioni che vanno ben al di là delle gare di cartello in cui sono impegnati gli arbitri di Serie A e B.  

Basti pensare al tema della disabilità e alla presenza dell’AIA con i propri arbitri nelle partite della Divisione Calcio Paralimpico e Sperimentale della FIGC. Per non parlare della recente firma del protocollo d’intesa tra AIA e AIL – Associazione Italiana contro Leucemie, i Linfomi e il Mieloma.

Questa varietà di tematiche ha reso l’intervento di Zaroli particolarmente coinvolgente, permettendo all’intera comunità arbitrale di apprezzare la versatilità e l’efficacia che contraddistinguono il suo registro comunicativo. Grazie alla sua incisiva esposizione, tutti i presenti si sono sentiti stimolati a dare il massimo per l’AIA dentro e fuori dal campo.  

Al termine di questo importante momento di condivisione e crescita associativa, che ha rafforzato la volontà di progredire nel proprio percorso arbitrale da parte dei tanti giovani che hanno assistito all’incontro, la serata è proseguita con una conviviale presso un noto locale della zona.

 

In copertina, Zaroli posa con Senesi, Piccioni, Malascorta, Foscoli e con tutti gli associati pesaresi.  

In gallery:

1: Foscoli introduce Zaroli ai più giovani;

2-3: la sala gremita;

4: Foscoli ringrazia Zaroli per il prezioso contributo.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri