All’assistente CAN Marco Ricci la seconda edizione del Premio Nazionale ‘Maurizio Toscano’

All’assistente CAN Marco Ricci la seconda edizione del Premio Nazionale ‘Maurizio Toscano’

Sezione di Torre del Greco

Ieri, presso l’hotel ‘Poseidon’, la Sezione AIA di Torre del Greco ha assegnato il Premio Nazionale ‘Maurizio Toscano’, ex assistente di Serie A scomparso a febbraio 2021 a soli 55 anni, giunto alla sua seconda edizione. L’encomio viene assegnato all’assistente arbitrale di Serie A maggiormente distintosi nel primo anno di appartenenza alla categoria.

Tra gli ospiti presenti all’evento vi erano il Vicepresidente dell’AIA, Alberto Zaroli; il Componente del Comitato Nazionale dell’AIA, Michele Affinito; il Dirigente Benemerito Liberato Esposito; il Responsabile della Commissione Esperti Legali dell’AIA, Valerio Di Stasio; il Componente della Commissione Nazionale per la Serie D Mario Cascone; il Componente della Calcio a 5 nazionale, Antonio Gallo; il Collegio Regionale dei Probiviri, nelle persone del Presidente Mario Nigro e del Vicepresidente Salvatore Gubitosa; i Componenti del Comitato Regionale della Campania insieme al Presidente Stefano Pagano; i Presidenti di Sezioni campani; i due internazionali Marco Guida e Ciro Carbone nonché il Presidente della LND Campania, Carmine Zigarelli. Presente, inoltre, la famiglia Toscano.

Prima della consegna del premio gli ospiti intervenuti hanno voluto ricordare con un proprio pensiero l’amico e collega Maurizio Toscano, raccontando anche degli aneddoti di vita associativa vissuti insieme, tra i quali quello del Vicepresidente Zaroli che ha ricordato come Maurizio “si sia sempre speso all’interno dell’Associazione, non limitandosi a svolgere i suoi ruoli dirigenziali in maniera asettica, ma dando l’anima per aiutare e formare soprattutto i più giovani”.

Il Premio Nazionale è stato assegnato all’assistente arbitrale fiorentino Marco Ricci: “Ringrazio innanzitutto la Sezione di Torre del Greco per avermi tributato questo Premio intitolato ad una persona a me molto cara. Ho avuto modo di conoscere dal vivo Maurizio quando era Componente alla CAI ed io arbitro al secondo anno rischiavo a fine anno di dover abbandonare il mio sogno a causa di un periodo non molto felice della mia vita che stavo attraversando. Ricordo che ad un raduno Maurizio mi prese in disparte e con un lunghissimo discorso mi fece ritrovare quella carica che mi concesse non solo di essere promosso in Serie D al termine di quella Stagione Sportiva, ma di arrivare fino a raggiungere il sogno della Serie A. Maurizio era una persona che con le sue parole ed il suo modo di fare ti scuoteva l’anima e se oggi sono arrivato a coronare il mio sogno lo devo anche grazie a lui”, ha concluso Ricci.

Durante la serata è stata anche consegnata all’arbitro benemerito Giovanni Merlino la pergamena per i 50 anni nell’Associazione.

Al termine della cerimonia così il Presidente Sezionale Antonio D’Antonio: “Sono veramente orgoglioso di essere riusciti, per il secondo anno consecutivo, ad organizzare una così bella serata nel ricordo del nostro caro amico. Sento il dovere di ringraziare innanzitutto il Presidente dell’AIA Carlo Pacifici, il suo Vice Alberto Zaroli e tutti i Componenti del Comitato Nazionale che anche quest’anno hanno sposato questa nostra iniziativa per far rimanere sempre vivo il ricordo di Maurizio all’interno della nostra Associazione”.

 

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri