Arbitraggio e motivazioni, lezione del Responsabile CAN 5 Franco Falvo

Arbitraggio e motivazioni, lezione del Responsabile CAN 5 Franco Falvo

Sezione di Palermo

Il Responsabile della Commissione Arbitri Nazionale del calcio 5, Franco Falvo, è stato ospite lo scorso 25 febbraio della Sezione AIA di Palermo. Il Presidente sezionale Marcello Terzo ha colto l’occasione per invitarlo in qualità di relatore alla riunione tecnica programmata in serata, approfittando della sua presenza in città insieme al suo Componente Salvatore Lombardo, per presiedere ai test atletici degli arbitri CAN 5 e CAN 5 Élite della Sicilia occidentale.             

Ha ospitato i lavori l’aula ‘Alfredo Tamburello’ della Sezione palermitana. Circa 180 gli associati presenti all’evento, aperto da Marcello Terzo: “Ho riflettuto molto su chi potesse essere il primo ospite in presenza della mia Presidenza e della ripresa dopo la pandemia; la scelta è ricaduta su Franco Falvo, con la convinzione che sia quella giusta. Hai una responsabilità, caro Franco, ricaricare questa platea per ripartire più forti di prima”.

Preso il microfono Falvo è partito a mille nella sua introduzione sul ruolo dell'arbitro, ‘del signor arbitro’, come ama definirlo, di colui che pretende rispetto e che deve essere il primo, attraverso la sua autorevolezza, a riconoscere e rispettare le componenti in campo. Una riunione tecnica plenaria con un mood chiaro ed inequivocabile sui corretti comportamenti, sulla motivazione, sull'essere arbitri in campo e nella vita, sull'essere uomini e donne nell'accezione più nobile del temine.

Il Responsabile della CAN 5 ha trasmesso tanta carica motivazionale ai tantissimi giovani presenti, con uno sguardo emozionato rivolto ai veterani ed ai tanti amici incontrati a Palermo, gli stessi che il giorno dopo lo hanno accompagnato in un tour della meravigliosa città ed una visita a Palazzo delle Aquile, nella storica Piazza Pretoria, sede istituzionale del Parlamento cittadino.

La presenza di Franco Falvo a Palermo ha lasciato un segno indelebile nella mente e nel cuore degli associati che, difficilmente, dimenticheranno le circa due ore di riunione passionale affrontata a braccio.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri