Assegnati i Premi ‘Cichello – Bilotta – Borello’, il Vicepresidente AIA Zaroli presente alla cerimonia

Assegnati i Premi ‘Cichello – Bilotta – Borello’, il Vicepresidente AIA Zaroli presente alla cerimonia

Sezione di Vibo Valentia

Si è svolta lo scorso 23 febbraio, presso il ristorante Deodato di Jonadi, la cerimonia dei Premi ‘Cichello –Bilotta – Borello’, che la Sezione AIA di Vibo Valentia dedica alla memoria di tre suoi associati. Questa edizione ha potuto vantare ospiti d'eccezione, tra cui il Vicepresidente dell'AIA Alberto Zaroli e i Componenti del Comitato Nazionale Katia Senesi, Stefano Archinà e Michele Affinito.

In apertura il benvenuto del sindaco di Jonadi, Fabio Signoretta. Poi l’introduzione del Presidente sezionale Nazzareno Manco, che ha ricordato i colleghi scomparsi e presentato le finalità dei tre riconoscimenti.

Il Premio ‘Cichello’, riservato agli osservatori arbitrali particolarmente distintisi nelle Stagioni Sportive 2021/2022 e 2022/2023, è dedicato alla memoria di Carlo Cichello, associato storico della Sezione vibonese prima sui campi poi nella veste di formatore dei giovani arbitri.

Il Premio ‘Bilotta’ è invece assegnato agli arbitri effettivi in forza all'Organo Tecnico Sezionale particolarmente distintisi nelle Stagioni Sportive 2021/2022 e 2022/2023 e ricorda Benedetto Bilotta, giovanissimo arbitro scomparso qualche anno fa.

Il Premio ‘Borello’ è infine destinato agli associati particolarmente impegnati in attività di rilevanza sociale, sempre durante le Stagioni Sportive 2021/2022 e 2022/2023, ed è dedicato alla memoria di Costantino Borello, anch'egli giovanissimo arbitro scomparso poco tempo dopo il suo ingresso nell'Associazione.

La data della premiazione è stato peraltro particolarmente significativa: l'evento si è infatti tenuto pochi giorni dopo la tragica morte di Fabio Buoninsegni, 22enne della Sezione di Napoli vittima di un incidente stradale al rientro di una partita. È stato perciò doveroso da parte dei presenti tributare alla sua memoria un minuto di silenzio.

Dopo l'intervento di Manco è stata la volta del Consigliere regionale LND Enzo Insardà, che si è detto felice del fatto che i vertici dell'AIA si avvicinino al territorio, auspicandosi una collaborazione sempre più stretta con la LND per salvaguardare e rafforzare il movimento dilettantistico.

Sono poi iniziati gli interventi della rappresentanza degli arbitri, a partire dal Presidente regionale Franco Longo che ha preferito concentrare il suo intervento su un triste fenomeno che ha avuto ultimamente varie manifestazioni sui campi del vibonese: la violenza sui direttori di gara. Longo si è rivolto ai vertici federali, esortandoli a fare di più. “La società ha bisogno dei valori arbitrali, che i ragazzi devono esportare. Mettiamoli in condizione di farlo”, sono state le sue parole.

Poi il turno dei Componenti del Comitato Nazionale, a partire da Katia Senesi che si è concentrata sulla funzione sociale dell'arbitro, portando il direttore di gara come esempio positivo per la società; il calabrese Stefano Archinà ha rivolto invece un plauso agli associati di Vibo per l’impeccabile organizzazione di un evento alla memoria dei tre colleghi scomparsi. Infine Michele Affinito, che dove aver ricordato il suo corregionale Fabio Buoninsegni ha portato all'attenzione dei presenti la funzione della Sezione: “È un solido sistema di valori condivisi che non possono essere messi in discussione”.

Conclusione degli interventi con il Vicepresidente dell’AIA Alberto Zaroli: “Non dobbiamo avere paura di fare la cosa giusta, di impegnarci e di sfidare il dissenso”, ha detto rivolgendosi in particolare ai giovani arbitri. Ha proseguito asserendo che “dobbiamo essere orgogliosi delle nostre Sezioni, dei nostri Presidenti e dei nostri ragazzi, che gestiscono e custodiscono il futuro dell'Associazione”.

Sono seguite le attese premiazioni: hanno ricevuto il Premio ‘Cichello’ gli osservatori arbitrali Rocco Scarano e Michele Condò; il Premio Bilotta è stato assegnato agli arbitri Salvatore Raffa e Christian; infine consegna del Premio ‘Borello’ all’arbitro di calcio a 5 Giuseppe Suriano e all’assistente arbitrale Giuseppe Piccolo.

Premiati inoltre con una targa gli associati Valentina Garoffolo e Giuseppe Mandaradoni per la nomina rispettivamente come Responsabile Nazionale e Regionale del Modulo ‘Talent & Mentor’ del Settore Tecnico dell’AIA. Altre targhe sono state consegnate agli associati che nell'arco del biennio hanno ricevuto una promozione agli Organi Tecnici Nazionali: gli assistenti Mirko Bartoluccio, Raffaele Trapasso e Domenico Zappino; gli arbitri di calcio a 5 Giuseppe Suriano e Antonino Mandaradoni; gli osservatori arbitrali Sergio Pititto e Alessandro Lacquaniti.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri