Camplone: “Gli arbitri devono imparare dagli errori commessi”

Camplone: “Gli arbitri devono imparare dagli errori commessi”

Sezione di Este

Pazienza, concentrazione, tranquillità, precisione, leggerezza, equilibrio, impegno e fierezza: queste sono alcune delle parole uscite dalla giovane platea estense nella serata di mercoledì 23 marzo quando l’arbitro della massima Serie appartenente alla Commissione Arbitri Nazionale Giacomo Camplone della Sezione di Pescara ha animato la serata degli arbitri della Sezione di Este condividendo la propria esperienza e sfruttando una modalità di comunicazione davvero particolare.

Primo arbitro pescarese a dirigere una gara del massimo Campionato, Giacomo nella vita è insegnante di educazione fisica. Sarà probabilmente per questo motivo che ha voluto utilizzare un video di Italia’s got talent per far parlare i giovani arbitri di Este: una sinuosa ragazza vestita di bianco riesce a tenere sollevato in aria uno scheletro di banale legna da ardere - il cui primo sussulto può essere fatale per il destino della performance - solo grazie a un gioco di leve dovuto al peso di una semplicissima e leggerissima piuma. Al termine, la piuma viene tolta e istantaneamente crolla tutto: è la metafora dell’arbitraggio. E così ha spinto gli arbitri in sala a comunicare parole ed emozioni suscitate dalla visione del video.

“Un Organo Tecnico ai tempi della Prima Categoria mi disse di non preoccuparmi, che sarei arrivato ai livelli a cui ambivo. Si sbagliava: io li ho superati” ha chiosato Giacomo Camplone riferendosi alla cultura della pazienza. Poi ha continuato: “Farina, che seguivo sempre in giro per le Sezioni della mia regione quando era in visita, diceva sempre che la differenza tra un arbitro di giovanissimi e uno di Serie A è che un arbitro di Serie A riesce a stare concentrato 90 minuti su 95. Ma qual è la caratteristica più importante per riuscire nell’arbitraggio? La testa: circondiamoci di persone che ci diano di più nella quotidianità, anche fuori dal mondo associativo”. Un consiglio finale Giacomo Camplone lo ha voluto dare ai presenti: “Imparate a respirare: salva la vita in mezzo al terreno di giuoco e ci permette di non dare risposte banali perché gli arbitri hanno il diritto di poter sbagliare, ma devono farlo imparando dagli errori commessi. Con fierezza, appunto”.

 

Foto di N. Frigo

 

In copertina Giacomo Camplone durante il suo intervento, in galleria diverse foto della riunione.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri