Conclusi gli incontri della Commissione di Studio per l’Osservatorio sulla Violenza

Conclusi gli incontri della Commissione di Studio per l’Osservatorio sulla Violenza

Commissione per l’Osservatorio sulla Violenza

Si è concluso il ciclo di incontri in videoconferenza organizzato dalla Commissione di Studio per l’Osservatorio sulla Violenza. Le cinque riunioni, nelle quali sono state suddivise tutte le regioni, hanno visto coinvolti i Rappresentanti AIA presso i Giudici Sportivi e le Corti di Appello Regionali nonché i Referenti Regionali dell’Osservatorio.

Il Responsabile Guido Falca, che ha tenuto le riunioni, ha ricordato che, per attivare opportunamente le forme di tutela previste dalle disposizioni in materia di giustizia, è necessario che gli arbitri coinvolti negli episodi di violenza, i Presidenti di Sezione, i Presidenti dei Comitati Regionali, i Referenti Regionali e i Rappresentati AIA seguano le comunicazioni e i protocolli previsti. Quindi, fondamentale è il lavoro di squadra. Le decisioni devono essere uniformi e coerenti su tutto il territorio nazionale. Infatti, solo riuscendo ad ottenere dai giudici sportivi il pieno rispetto della normativa e, in particolare, delle disposizioni degli articoli 35 e 36 del Codice di Giustizia Sportiva, è possibile ottenere “giustizia” per gli arbitri aggrediti e di conseguenza per l’AIA, riducendo anche il ricorso alle procedure di impugnazione, le quali prevedono iter burocratici e giuridici particolarmente lunghi e complessi.

Al fine di perseguire l’obiettivo, risultano importanti anche le recenti modifiche informatiche apportate a Sinfonia4you, le quali sono state improntate non solo a favorire lo studio statistico e il monitoraggio degli episodi, ma anche a garantire una maggiore efficienza in relazione all’invio dei dati.

Agli incontri sono intervenuti, oltre ad alcuni Presidenti dei CRA, anche i Componenti del Comitato Nazionale Alberto Zaroli e Stefano Archinà.

“Le strategie di contrasto alla violenza sono una priorità e il ruolo dell'Osservatorio è fondamentale per avere il costante controllo di ciò che accade nonché per garantire azioni efficaci e tempestive. Questi incontri sono molto utili per il coordinamento delle varie attività, ma anche per ringraziare tutti coloro che operano sul territorio. Ci auguriamo che dobbiate lavorare sempre meno, ma al contempo dovete tenervi sempre pronti”, ha affermato Alberto Zaroli.

“Ringrazio l’intera Commissione e i Referenti per la disponibilità e per il prezioso lavoro che svolgete quotidianamente. Infatti, il buon funzionamento della vostra attività produce delle importanti ripercussioni positive sull’intera Associazione, a partire dalla tutela degli arbitri che scendono in campo” ha affermato Stefano Archinà, il quale, successivamente, ha fermamente sottolineato come l’Associazione Italiana Arbitri condanni ogni tipo di violenza, fuori e dentro il terreno di giuoco.

“Sono molto soddisfatto degli incontri e dell’adesione dei colleghi. Ho visto tra i partecipanti un atteggiamento proattivo e finalizzato alla formazione continua nonché al perfezionamento delle proprie competenze personali. Abbiamo dimostrato di essere una squadra”, ha affermato il Responsabile Guido Falca in merito agli incontri, ai quali hanno partecipato 128 Rappresentanti pari all’80% dei convocati.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri