Concluso il Raduno di Metà Campionato della CAN 5. Il Responsabile Falvo: “Inizia la fase cruciale della Stagione: continuiamo a lavorare con passione”

Concluso il Raduno di Metà Campionato della CAN 5. Il Responsabile Falvo: “Inizia la fase cruciale della Stagione: continuiamo a lavorare con passione”

CAN 5

Ultimo giorno di raduno a Tirrenia per il secondo turno degli arbitri della Commissione Arbitri Nazionale per il Calcio a 5, che completa così il suo ciclo di incontri tecnici di metà Stagione.

Ora i fischietti sono pronti per affrontare la delicata seconda parte dei Campionati, con le Final Eight e la Coppa Italia alle porte. «Adesso inizia la fase cruciale della Stagione, – sottolinea il Responsabile Franco Falvocontinuiamo a lavorare con passione. Quest’anno toccheremo quota 15mila partite designate, un numero incredibile per tutto il movimento».

Protagonista della mattinata, prima del “rompete le righe” in vista delle gare nel pomeriggio, una sessione di match analysis curata da Falvo, insieme alla sua squadra, composta da Ferruccio Barbuto, Antonio Gallo, Salvatore Lombardo, Antonio Mazza, Francesco Peroni, Andrea Sabatini, Tito Stampacchia e Claudio Zuanetti, che hanno dato il loro singolo contributo sugli episodi visionati. Tra i temi trattati concentrazione, uniformità tecnica e disciplinare, rapporto con i calciatori, controllo delle porte e un focus sul ruolo del cronometrista.

In piena sintonia con i lavori svolti dal Componente del Modulo Calcio a Cinque del Settore Tecnico Mario Pavoncelli e dal Responsabile della CAN 5 Elite, Angelo Galante, che ha fatto il suo in bocca al lupo ai ragazzi: «Ricordate sempre di lavorare su voi stessi, siete la linfa vitale di questo movimento, viva il futsal».

Saluti anche da parte del Responsabile della CON 5, Alessandro Scarpelli: «Noi lavoriamo per voi, per la vostra corretta valutazione e valorizzazione, operando con giustizia e senso di responsabilità. Non perdete mai la carica e la voglia di migliorare».

È stato poi il turno del Componente del Comitato Nazionale Luca Marconi: «Sono qui perché ho a cuore le vostre istanze e ho il dovere di darvi il valore che meritate nell’Associazione; sono il vostro primo tifoso. Fate bene in campo, ma soprattutto vi chiedo di far crescere il futsal all’interno delle vostre Sezioni, nei Corsi Arbitro, diffondete questa fantastica disciplina come un’opportunità, non come un ripiego. Date lustro a voi stessi all’interno della CAN 5». Nel ringraziare gli arbitri, Marconi ha donato la spilla dell’AIA a Raffaele Buonocore, in qualità di fischietto con più anzianità nel ruolo, in senso di spirito di appartenenza e servizio verso tutto l’Organico.

L’organizzazione del raduno è stata curata dal segretario della Commissione, Giuseppe Antonaglia che si è occupato della logistica e delle eventuali necessità.

«Qui lavoriamo, analizziamo e ci confrontiamo – ha concluso i lavori Falvoper crescere ancora di più. Un ringraziamento alla mia squadra, dove non importa chi parla perché la qualità è sempre la stessa; ma il più grande ringraziamento va a voi per l’attenzione, i comportamenti e i sacrifici che avete sostenuto: sono certo che saranno ripagati. Viva la CAN 5, viva l’AIA».

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri