Corso Nazionale dai grandi numeri, ben 72 i nuovi arbitri

Corso Nazionale dai grandi numeri, ben 72 i nuovi arbitri

Sezione di Bari

Lo scorso 11 dicembre, presso la Sezione AIA di Bari, si è tenuto l’esame del Corso Arbitri nazionale della Stagione 2023/2024. Sono 72 i nuovi arbitri a disposizione dell’Organo Tecnico Sezionale barese, tra cui ben 10 donne.

Il Corso, durato circa 2 mesi e mezzo, è stato guidato da Roberto Aratri, arbitro di Serie D, e Stefano Pezzolla, arbitro di Eccellenza; segretari sono stati gli arbitri di promozione Vincenzo Calderoni e Niccolò Pio Mantuano, insieme a Giuseppe Garofalo, assistente di Eccellenza.

La Commissione è stata presieduta da Domenico Celi e Giacinto Franceschini, rispettivamente Presidente e Vicepresidente del Comitato Regionale Arbitri Puglia. Inseriti come Componenti per la somministrazione dei quiz tecnici e le prove orali anche il Presidente della Sezione di Bari, Dario Gregorio e il Vicepresidente Luigi Curzi.

I candidati hanno superato con serietà la prova tecnica, basata su 20 domande sul regolamento del gioco del calcio; successivamente sono stati interrogati sui principali aspetti regolamentari al fine di verificare la loro concreta idoneità arbitrale.

Subito dopo il completamento della procedura di tesseramento presso l’AIA centrale, con la relativa emissione dei codici identificativi, i giovani arbitri verranno convocati per sostenere i test atletici ed essere definitivamente a disposizione della Sezione e pronti per le categorie giovanili.

“La conoscenza del regolamento e la preparazione atletica sono le basi fondamentali per un buon arbitro. Inoltre ciò che noi reputiamo più importante di tutto sono i comportamenti, sono quelli che fanno di noi degli arbitri, non solo nell’AIA in senso stretto ma nella vita di tutti i giorni”, le parole del Presidente Gregorio a conclusione della seduta d’esame.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri