"Etica e sport, coraggio&passione" per festeggiare i 75 anni di fondazione

Sezione di Faenza

Dopo una lunga attesa di un anno dovuta al Covid, finalmente il grande giorno è arrivato: la Sezione AIA di Faenza ha potuto celebrare il proprio settantacinquesimo anniversario. Sabato 28 maggio, presso la Sala del Consiglio Comunale di Faenza, si è tenuto il talk  “Etica e sport, coraggio&passione” con la partecipazione del Presidente Nazionale dell'AIA Alfredo Trentalange, l’ex Commmissario Tecnico della Nazionale Italiana Arrigo Sacchi, la commentatrice RAI Katia Serra, l’allenatrice di Basket di  Serie A1 Simona Ballardini e l'atleta paraolimpico di scherma Emanuele Lambertini, oltre al Governatore della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. 

Dopo i saluti iniziali del Presidente della Sezione di Faenza, Maurizio Marchesi, del Sindaco di Faenza, Massimo Isola, della Presidente del CRA Emilia Romagna, Graziella Pirriatore e dei sacerdoti don Tiziano Zoli e don Luca Ravaglia ha preso vita il talk.

La discussione è stato un momento molto stimolante per ragionare sul valore del rispetto e dell’etica nel mondo dello sport, in particolare nei confronti delle decisioni arbitrali: ne è emerso che lealtà e correttezza devono essere alla base di ogni sport. 

Nella giornata è stata consegnata una targa in memoria dello storico presidente a cui è titolata la Sezione di Faenza, Giovanni Santini, alla commossa vedova.

In seguito si è svolta la cena di gala alla quale ha partecipato anche Simone Alberici, presidente del Comitato Regionale della LND dell'Emilia-Romagna. Durante la serata, sono stati inoltre premiati diversi associati e tutti gli ex Presidenti di Sezione. L’ambito premio "Vittorio Abetti", attribuito all’arbitro del nuovo corso che più si è distinto, è stato consegnato al giovane Pietro Pio Izzo, mentre il premio offerto dalla delegazione FIGC di Bologna al giovane Matteo Visani.

La festa, un autentico successo a detta di tutti, è stata un’ottima occasione per saldare il senso di appartenenza alla Sezione, in particolare negli arbitri più giovani, con l’augurio di ritrovarli tutti ancora col fischietto in mano nel prossimo anniversario!

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri