Fare le cose semplici per conseguire grandi risultati: a lezione da Angelo Galante

Fare le cose semplici per conseguire grandi risultati: a lezione da Angelo Galante

Sezione di Bologna

Ex arbitro di Serie A ed Internazionale, ex Presidente di Sezione, attuale Responsabile della Commissione Nazionale del calcio 5 Elite: gli ingredienti per una riunione di spessore c’erano tutti e le aspettative non sono state di certo deluse.
Angelo Galante della Sezione di Ancona, con cui la sezione felsinea è gemellata e legata da grande amicizia, ha fatto il suo ritorno a Bologna il 21 novembre per tenere una riunione che si può definire universale: come ha tenuto a precisare fin da subito l’ospite infatti non esistono argomenti solo per arbitri, solo per assistenti o solo per il calcio a 5, l’arbitraggio è uno solo ed è bene che tutti siano aggiornati sotto tutti i punti di vista.
Così dopo l’introduzione del Presidente della Sezione di Bologna Antonio Aureliano la parola è passata immediatamente ad Angelo Galante che ha ripercorso il suo viaggio nell'Associazione, dagli inizi fino alla scelta di passare al Futsal, che si può definire vincente poiché gli ha permesso di calcare i parquet più prestigiosi d’Italia e del mondo.
Per lui l'attività tecnica è sempre andata di pari passo con quella associativa: negli ultimi anni ha ricoperto anche la carica di Presidente della Sezione di Ancona e per la seconda Stagione consecutiva, da quando è stata quindi istituita, è il Responsabile della CAN 5 Elite, ovvero si occupa insieme ai suoi due vice di formare e gestire i cinquantacinque migliori arbitri italiani di futsal.
Tra aneddoti e ricordi vissuti anche insieme ai numerosi colleghi bolognesi che hanno condiviso con Angelo gli stessi anni alla Commissione Nazionale del Calcio a 5, l’ospite ha voluto porre l’attenzione proprio sull’importanza del gruppo - “l’arbitro vive in gruppo ma decide da solo” - e del divertimento: “per arbitrare dobbiamo essere innamorati di questa attività, altrimenti viviamo l’avventura esclusivamente come un sacrificio”.
Dopo una prima parte di riunione prettamente motivazionale Galante è passato all’aspetto tecnico e con l’ausilio di qualche clip che ha analizzato si è focalizzato sui concetti di spostamento e posizionamento, gestualità, gestione dei calciatori infortunati e falli alti.
Tutti gli aspetti toccati hanno in comune quelli che ritiene essere i due capisaldi dell’arbitraggio su cui si deve costruire la performance, ovvero la collaborazione e la concentrazione.
A fine serata si può quindi dire rispettata la premessa: non si è parlato esclusivamente di Futsal, ma l'accento è stato posto sul concetto di team arbitrale, cui devono far riferimento tutti, dal ragazzo dell’ultimo corso all’arbitro benemerito.
L’ospite ha voluto infine congedare la platea con una massima preziosa: “fare le cose semplici un passo alla volta per ottenere grandi risultati”, e si può dire che lui stesso questo consiglio lo abbia seguito alla grande.


In copertina: Angelo Galante con il Presidente Aureliano e alcuni associati della sezione

1-6: alcuni momenti della serata

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri