Faverani a Trento per parlare di Erasmus e tecnica arbitrale: “Siate pronti a cogliere le occasioni di crescita”

Faverani a Trento per parlare di Erasmus e tecnica arbitrale: “Siate pronti a cogliere le occasioni di crescita”

CPA Trento e Bolzano

Il freddo intenso di inizio dicembre non ha fermato un nutrito gruppo di giovani arbitri delle Sezioni trentine (Arco-Riva, Rovereto e Trento) e altoatesine (Bolzano e Merano) che hanno partecipato all’incontro informativo e formativo dedicato al progetto dell’Erasmus arbitrale. La riunione, affidata a Renato Faverani, è stata organizzata congiuntamente dai Comitati Provinciali Arbitri di Trento e Bolzano ed ospitata nei locali della Sezione di Trento.

La prima parte dell’incontro è stata dedicata al Progetto Erasmus e alle attività svolte dalla nuova Commissione per l’Erasmus arbitrale e per i Rapporti internazionali dell’AIA-Figc; nella seconda parte, spazio all’approfondimento tecnico con una lezione multimediale su posizionamenti, spostamento e senso tattico, ricca di considerazioni su episodi significativi, tematica emersa con forza anche nell’esperienza dell’ultima Ibercup in Portogallo.

Introducendo l’ospite, il Presidente del CPA di Trento Maicol Ferrari ha ricordato i momenti più importanti della sua lunga e prestigiosa carriera arbitrale, che dalla Sezione di Lodi lo ha portato a dirigere come assistente un gran numero di gare del massimo Campionato nazionale e tra il 2007 e il 2014 gare internazionali. Nel suo palmarès spiccano la finale di Champions League del 2013 e quella dei Mondiali del 2014, nelle quali insieme all’associato Andrea Stefani ha coadiuvato l’arbitro Nicola Rizzoli.

Secondo Faverani, anche per i giovani è importante poter maturare un’esperienza internazionale: “Il confronto con colleghi e colleghe provenienti da altre parti d’Europa – reso possibile dalla comune passione per l’arbitraggio e dall’uso della lingua inglese, requisito fondamentale per lo sviluppo arbitrale e professionale – apre nuove prospettive, offre nuove motivazioni per migliorarsi”. Si tratta di un progetto sportivo e culturale, voluto fortemente dal Comitato Nazionale, che mira a sostenere la crescita arbitrale e umana, affinando capacità tecniche, atletiche e comunicative. Occasioni come quelle dell’Erasmus arbitrale permettono ad associati e associate con vari livelli di esperienza di partecipare a tornei giovanili internazionali, offrendo l’opportunità di “sperimentare tutti i ruoli sul terreno di giuoco e apprendere in tempi ridotti grazie alle sedute di briefing pre-gara e al confronto continuo con gli osservatori, per questo servono anche  buone capacità di adattamento”.

A testimoniare il valore dell’esperienza internazionale ha pensato Tosca Braus, giovane associata della Sezione di Arco-Riva che a luglio ha partecipato al torneo Ibercup di Cascais, in Portogallo: “Non avevo mai fatto l’assistente, ma ho imparato rapidamente grazie alle spiegazioni dei colleghi di altre Federazioni. Con l’inglese è stata una sfida, ma con impegno e con un po’ di intraprendenza me la sono cavata. Il momento più bello della giornata erano gli incontri collettivi dopo cena, su ciò che era successo in campo”.

Dopo l’esperienza maturata l’estate scorsa, la Commissione, insieme ad Antonio Zappi referente principale del progetto per il  Comitato Nazionale dell’AIA-Figc, è al lavoro per definire le prossime attività: partecipazione a più tornei internazionali, ma anche definizione di accordi con Federazioni estere per rendere possibili scambi di arbitri e per permettere ai giovani di arbitrare in Campionati esteri quando si trovano in altri Paesi per periodi prolungati per motivi di studio o lavoro. Per poter partecipare ai tornei all’estero, saranno indicati criteri oggettivi sui quali si baserà la selezione.

 

Foto di Sara Del Negro


In Copertina: Renato Faverani con il Componente del CPA Bolzano Livio Bazzoli e il Presidente del CPA Trento Maicol Ferrari.

 

In Gallery:

1, 2, 3: Faverani illustra il progetto dell’Erasmus arbitrale;

4, 5: L’associata della Sezione di Arco-Riva Tosca Braus racconta la sua esperienza durante il torneo Ibercup;

6: Foto di gruppo con gli associati presenti in sala.

 

 

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri