Francesco Cosso e l'arbitraggio: “Malattia per una passione che ci rende vivi”

Francesco Cosso e l'arbitraggio: “Malattia per una passione che ci rende vivi”

Sezione di Piacenza

Giovedì 31 marzo la Sezione di Piacenza ha ospitato l’arbitro della Commissione Nazionale A e B Francesco Cosso di Reggio Calabria. L’evento si è aperto con un allenamento presso l’impianto sportivo “Sandro Puppo” a Piacenza, dove lo stesso Cosso ha lavorato assieme ai giovani e meno giovani arbitri piacentini, della Sezione, dell’Organico Regionale e Nazionale. Presente anche il Consiglio Direttivo guidato dal Presidente Mimmo Gresia, all’allenamento è seguito un break per permettere a tutti di poter cenare. Dopo la cena tutti si sono recati presso la sala dei convegni della Banca di Piacenza, il luogo che ha ospitato la Riunione Tecnica la cui guida è stata lasciata all’ospite. Essa è stata incentrata principalmente su temi motivazionali e in parte tecnici. Non si può tralasciare che Cosso abbia esordito ricordando Gianpiero Gregori, scomparso l’anno scorso, pilastro della Sezione piacentina e dalla sua crescita che è stato ricordato con un lungo applauso: “Quando ho saputo che in visita sarei venuto a Piacenza non nascondo di aver avuto i brividi, perché Piacenza è la Sezione di Gianpi, il mio tutor quando ero alla CAI, l’Interregionale”. Ciò che è stato particolarmente interessante fra tutto è sicuramente la parte tecnico-didattica in cui Cosso ha mostrato video di suoi episodi corretti in cui ha evidenziato peculiarità comportamentali errate e che non influiscono sulla credibilità di una decisione e sul conseguente andamento complessivo di una gara diretta. Il fischietto reggino ha avuto una grande capacità di trasmettere i contenuti agli associati coinvolgendoli in modo notevole; infatti, non ha mancato di complimentarsi con il Presidente e con la Sezione per la serietà dimostrata in allenamento e durante la riunione tecnica. Tra i tanti concetti comunicati durante l’incontro ha avuto particolare impatto una frase dell’arbitro di A: “Siamo malati di una passione innata, che cresce, che ci rende liberi, felici e responsabili allo stesso tempo; una passione che ci rende vivi”. Il Presidente Gresia ha tenuto a proiettare la fotografia dell’omaggio spedito all’ospite direttamente a Reggio Calabria, creando così anche un particolare momento famigliare e divertente. Infine, gli associati hanno posto alcune domande e dopo le foto di rito i saluti e il congedo di tutti i partecipanti. È stata un’esperienza molto particolare per la sezione, un incontro molto formativo pieno di spunti su come lavorare per mirare a raggiungere i propri obiettivi, per migliorarsi sempre anche quando tutto sta andando bene, su come reagire ai momenti di difficoltà.

In copertina l’ospite durante la riunione

In fotogallery:

  1. Una foto del gruppo allenamento assieme a Francesco Cosso
  2. Il podio durante la riunione tecnica
  3. La platea durante la riunione tecnica
  4. Il Presidente Gresia e Cosso sostengono virtualmente l’omaggio della Sezione.
  5. Cosso consegna una propria maglia in dono al Presidente Gresia e alla sua Sezione

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri