I nuovi CRA – Puglia – Favia - Grandi qualità dirigenziali maturate da Presidente di Sezione

I nuovi CRA – Puglia – Favia - Grandi qualità dirigenziali maturate da Presidente di Sezione

CRA Puglia

E’ l’arbitro benemerito Nicola Favia, 43 anni, già Presidente della Sezione AIA di Bari, il nuovo Presidente del Comitato Regionale pugliese per la stagione 2021/22. Una nomina che rende merito al suo riconosciuto lavoro per la crescita della propria Sezione, grazie a innate qualità dirigenziali che adesso sta mettendo a disposizione della Puglia arbitrale. Nicola è stato una decina di anni Dirigente di Sezione, prima come Vicepresidente e successivamente eletto due volte Presidente. Era alla guida della Sezione di Bari, per l’esattezza, dal 29 agosto 2014, quando concludeva la sua carriera di assistente arbitrale in Serie C.

Nicola Favia è avvocato del foro di Bari ormai da 15 anni ed è stato per quattro anni Componente del Consiglio generale della Fiera del Levante di Bari. Attualmente è Assessore del Comune di Valenzano, a sei chilometri dal capoluogo pugliese, dove ha vissuto per 30 anni. Ha delega allo sport, servizi sociali, urbanistica, periferie e politiche abitative.

Nicola, come è stata per te l’esperienza all’interno della Sezione di Bari, che ti ha visto crescere dal punto di vista umano e dirigenziale e cosa significa per te adesso questo traguardo raggiunto?

“Dirigere una Sezione grande e importante, in termini di numeri e di qualità, è di fatto come guidare una specie di regione. Devo dire che l'esperienza da Vice Presidente prima mi ha aiutato a capire il funzionamento della macchina organizzativa; conoscerla bene è stato determinante. Sotto il profilo umano, poi, mi ha insegnato molto: mi ha fatto capire cosa significa fare proprie le gioie e le sofferenze di ciascuno, trasformandole in opportunità di crescita. L'onore di guidare una regione importante come la Puglia mi ha caricato di responsabilità, ma allo stesso tempo di felicità perché ho raggiunto la consapevolezza dei miei mezzi, che spero siano utili alla causa, con pazienza, umiltà e spirito di servizio”.

Hai rinnovato il nuovo Comitato con diversi nuovi giovani nei ruoli dirigenziali. Chi sono i tuoi compagni di viaggio che ti stanno affiancando in questa avventura?

“Lucia Abruzzese è la Vice Presidente che con Gianluca Palazzo si sta occupando degli assistenti; Fabio Natilla, ‘fresco’ di Can C, mi sta affiancando nelle designazioni di Promozione ed Eccellenza. A Riccardo Panarese e Giorgio Piacenza ho affidato la Prima Categoria, a Luca Caracozzi e Luca Rutigliano il futsal, a Vito Albanese e Tommaso Regina gli osservatori, particolarmente importanti nella nuova prospettiva approntata dall'AIA. A Michele Sirago ci sta curando con la solita dedizione che lo contraddistingue la segreteria, autentica cabina di regia. Nessuno è ‘responsabile unico’ perché lo siamo tutti; è la squadra la vera responsabile”.

Qual è il tuo principale obiettivo che ti sei posto non appena sei stato nominato massimo dirigente arbitrale pugliese?

“Riportare la gioia di stare insieme e fare gruppo e poi ricreare un sistema stabile, grazie al quale vorremmo tornare a ‘produrre’ nuovi bravi arbitri pronti per la ribalta nazionale. La Puglia ha subìto troppe volte cambi della guardia - unico caso in Italia - e questo, pur legittimamente, ha tuttavia disorientato un po’. Con il senso di responsabilità e con l'impegno collettivo stiamo cercando insieme di percorrere una via comune per il bene di tutti”. 

Un pensiero o una dedica particolare cui ha pensato non appena il Presidente Trentalange ti ha nominato a capo della delegazione pugliese?

“A mio padre, scomparso solo un anno fa, ad Antonello Giordano e a Daniele De Santis. Sono le mie sentinelle che mi guardano dal cielo”.

Qual è il tuo bilancio di questa prima metà di Stagione 2021/2022?

“Sono contento per come abbiamo cominciato a muovere i primi passi. Dopo l'apatia di Campionati smorzati dalla pandemia, ci siamo posti come obiettivo quello di ricominciare a correre e gioire nel fare una cosa che ci piace e che ci appassiona. Devo ringraziare i ragazzi che hanno risposto alla grande e hanno ripagato la nostra fiducia con serietà e spirito di squadra”.

Un grosso ‘in bocca al lupo’ per il prestigioso incarico e auguri di buon lavoro a te e a tutto il tuo Comitato della Puglia, e grazie per la disponibilità…

“Grazie e viva il lupo! Ringrazio il nuovo staff della Rivista, attento, aggiornato e competente”.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri