Il Presidente Gregorio al raduno: “Ciò che distingue gli arbitri sono i rapporti interpersonali”

Il Presidente Gregorio al raduno: “Ciò che distingue gli arbitri sono i rapporti interpersonali”

Sezione di Bari

Il 29 e il 30 settembre presso l’Hotel Federiciano di Valenzano si è tenuto il consueto raduno precampionato dei giovani arbitri della Sezione AIA di Bari. Sono 112, di cui 16 ragazze, i direttori di gara a disposizione dell’Organo Tecnico Sezionale.

Dopo aver superato i test atletici presso il nuovo campo comunale di Triggiano, i ragazzi sono stati convocati per questa due giorni di lavori tecnici, sotto la guida del Presidente di Sezione Dario Gregorio, del Consiglio direttivo e di tutti i collaboratori.

“Pretendo che tra di noi arbitri ci sia rispetto, ciò che ci distingue sono i rapporti interpersonali; sono orgoglioso di essere il vostro Presidente, lo ripeterò sempre”. Queste le parole di Gregorio in apertura di raduno, che ha continuato spiegando le caratteristiche che deve avere un arbitro soprattutto alla prime armi, valori fondamentali fuori e dentro il campo.

Subito dopo sono state fornite indicazioni sulla preparazione atletica, sulla prevenzione degli infortuni e su una corretta alimentazione a cura di Giuseppe Magnifico, assistente in serie D, e Antonella Maglietta, Componente Modulo biomedico del Settore Tecnico dell’AIA.

Ai giovani fischietti sono giunti gli auguri per la Stagione da tutti gli arbitri e gli assistenti baresi delle categorie nazionali, in particolare sono intervenuti in presenza Luigi Nasca, arbitro VMO in Serie A e B, e Valerio Vogliacco, arbitro in Serie C.

I lavori sono continuati con le disposizioni tecniche e associative degli Organi Tecnici Luigi Curzi, Giovanni Mittica, Nicola Bellomo e dei Referenti Riccardo Tropiano (arbitro Serie D), Antonio Alessandrino (assistente Serie C) e Massimiliano Miccoli (assistente Serie D).

Dopo cena, in particolare, è stata proposta agli arbitri un’analisi tecnica su filmati selezionati dai referenti del gruppo OTS Elite Luigi Carella e Nicola Bellomo, dapprima individuale e poi in gruppo per stimolare il confronto e la crescita del collettivo.

Nella mattinata di sabato, arrivati anche gli osservatori arbitrali, il saluto del Presidente del Comitato regionale Domenico Celi e del Vicepresidente Giacinto Franceschini. “Dovete avere un sogno e degli obiettivi, solo con obiettivi concreti e con tanto lavoro potrete raggiungere il vostro sogno”, le parole introduttive del presidente CRA, che ha poi tenuto una interessante riunione sui posizionamenti da assumere sul terreno di gioco, proponendo importanti spunti di riflessione ai partecipanti.

A seguire Domenico Mallardi, Componente del Modulo Talent & Mentor del Settore Tecnico, ha illustrato le modifiche regolamentari contenute nella Circolare n. 1 e somministrato i quiz tecnici ad arbitri ed osservatori. Mallardi, infine, ha tenuto una riunione tecnica specifica sul fallo di mano.

In chiusura di raduno gradito è stato il saluto di Donato Caldarulo, Componente della Commissione Nazionale degli Osservatori per i Dilettanti, e del Sindaco di Valenzano Giampaolo Romanazzi.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri