Il VICEPRESIDENTE ZAROLI: “È IL PASSATO CHE CI PERMETTE DI GUARDARE AL FUTURO”

Il VICEPRESIDENTE ZAROLI: “È IL PASSATO CHE CI PERMETTE DI GUARDARE AL FUTURO”

Sezione di Novara

Prosegue la scia di prestigiosi associati ospiti presso la Sezione di Novara: la prima Riunione Tecnica Obbligatoria del mese di marzo ha infatti visto come relatore il Vicepresidente dell’AIA Alberto Zaroli.

La serata ha preso il via con l’intervento del Presidente Andrea Riccardi che ha introdotto l’ospite, cogliendo l’occasione per rinnovare il proprio ringraziamento al Comitato Nazionale per il lavoro svolto.

Zaroli ha quindi iniziato il suo discorso, sottolineando l’unicità dell’Associazione Italiana Arbitri rispetto alle realtà di altre nazioni: “Non ci sono gruppi arbitrali come il nostro, che abbiano un Settore Tecnico e soprattutto una struttura come la nostra: siamo un vanto a livello mondiale”, ha detto. Zaroli ha poi proseguito il proprio intervento presentando delle foto di associati novaresi ritratti in vari momenti di condivisione e divertimento, in modo da riflettere sul vero significato dell’Associazione.

È apparsa poi una foto con il ritratto del compianto Sergio De Marchi, figura storica dell’arbitraggio Novarese, a cui è intitolata la Sezione e a cui è stato dedicato un particolare premio. Lo stesso Zaroli aveva partecipato alla prima cerimonia di consegna in rappresentanza del Comitato Nazionale: “È il passato che ci permette di guardare al futuro” ha detto l’ospite, esortando la platea a non perdere mai il ricordo di ciò che è stato per poter gettare delle basi solide sulle quali costruire il futuro.

Con una metafora alquanto insolita, Zaroli è riuscito a coinvolgere tutti i presenti, iniziando un discorso motivazionale relativo agli obiettivi e ai progetti che ciascun associato si deve porre. In particolare, ha coinvolto diversi giovani arbitri che, analizzando alcuni firmati riguardanti gare sia di calcio a 11 che di calcio a 5, hanno potuto comprendere a pieno l’importanza del ruolo arbitrale e soprattutto l’importanza di conoscere il giuoco del calcio per interpretare al meglio il proprio ruolo.

Al termine della serata, dopo le foto di rito, gli associati che sono stati protagonisti attivi della lezione tecnica hanno firmato un pallone insieme a Zaroli, pallone che resterà in Sezione a ricordo di un incontro associativo al quale tutti hanno saputo dare il loro contributo.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri