‘Incontriamoci fuori dal campo’, arbitri, capitanti e dirigenti a confronto

‘Incontriamoci fuori dal campo’, arbitri, capitanti e dirigenti a confronto

CRA Sicilia

‘Incontriamoci fuori dal campo’, per migliorare il sistema calcio. Per rafforzare il rapporto tra calciatori e arbitri e per approfondire tematiche come la comunicazione e l’interpretazione del regolamento del gioco del calcio.

Sono stati gli obiettivi dei due appuntamenti svolti il 14 e il 21 novembre rispettivamente a Palermo e Pedara. Presenti i capitani e i dirigenti delle società di Promozione ed Eccellenza della Sicilia, insieme agli arbitri e alla loro Presidente Regionale Cristina Anastasi.

L’iniziativa si affianca al progetto, voluto dal Presidente regionale LND Sandro Morgana, ‘Uniti contro la violenza per un calcio migliore’, avviato sull’analisi degli episodi di aggressioni agli ufficiali di gara della scorsa Stagione. Oltre a garantire un apporto tecnico significativo, i seminari hanno rappresentato un momento di conoscenza, di condivisione e di aggregazione.

A dare il via ai lavori è stato proprio Morgana: “Queste iniziative rappresentano un’importante opportunità per conoscersi e capirsi meglio, per un futuro che sia scevro da incomprensioni e screzi. Battiamoci, tutti insieme, per costruire una società migliore”.

Ha poi proseguito: “La nostra volontà è avvicinare le due categorie, a volte in contrasto di vedute sul terreno di gioco, ma profondamente accomunate durante la gara; nella speranza di cacciar via l’amaro ricordo delle 34 aggressioni agli arbitri verificatesi nella Stagione scorsa, 28 delle quali ad opera di calciatori, le altre sei di dirigenti”.

“La condivisione di iniziative comuni per arbitri e calciatori permette di abbattere quel muro di diffidenza spesso presente all’interno del terreno di gioco”, ha detto invece la Presidente CRA Cristina Anastasi. “L’obiettivo è comprendere la complessità della valutazione che precede la decisione dell’arbitro. Dialogo e capacità relazionali – ha continuato - sono elementi fondamentali ma è centrale il riconoscimento del ruolo di terzietà e competenza del direttore di gara”. A seguire, ha mostrato delle clip video su alcuni casi di falli che interrompono un’azione promettente o negano una chiara occasione da rete.  

Particolarmente di rilievo sono stati gli interventi dei tre fischietti siciliani appartenenti alla Commissione Nazionale Arbitri per la Serie A e B: Rosario Abisso, Daniele Rutella e Alberto Santoro, che hanno sottolineato il sentimento della passione che spinge loro ad interpretare la ‘mission’ di arbitro.

Il punto di vista delle società è stato espresso dall’Amministratore Delegato dell’Enna Calcio, Fabio Montesano: “Purtroppo si approda troppo spesso alla carica di dirigente di società soltanto perché si dispone di qualche ora di tempo libero. Ma la cultura dello sport del calcio, anche comprendere lo stato d’animo dei direttori di gara in alcuni frangenti, sono temi che necessitano di molta esperienza”.

Le giornate hanno visto la presenza anche di docenti universitarie: Laura Santoro, avvocato ed ordinario di diritto privato, nonché vicepresidente della quarta sezione del Collegio di Garanzia dello Sport, e di Martina Di Marco, psicologa dello sport. Entrambe si sono soffermate soprattutto sul lato comunicativo tra arbitro e calciatore, oltre che sulla violazione della lealtà sportiva.

Il Vicepresidente LND Sicilia Dino Corbo si è poi concentrato sulle origini della figura arbitrale nel calcio, mentre in rappresentanza degli allenatori è intervenuto Pierpaolo Alderisi che ha trasferito ai presenti il compito altamente educativo che riveste tale figura.

Soddisfacente a l’apporto di tutte le componenti del calcio, nella speranza di mettere in pratica, domenica dopo domenica, quanto di costruttivo è stato discusso in questi due appuntamenti, mirati alla costante ricerca del confronto e mantenendo inalterata la principale forza motrice dell’intero movimento calcistico: la passione.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Copyrights © 2021-2023 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri