La Sezione di Genova partecipa al Torneo benefico “Sofia nel cuore”

La Sezione di Genova partecipa al Torneo benefico “Sofia nel cuore”

Sezione di Genova

Domenica 11 giugno, la Sezione di Genova ha avuto l’onore di allestire uno stand e di dirigere tutte le gare del torneo “Sofia nel cuore”, organizzato dall’omonima associazione benefica, fondata da Sofia Sacchitelli, ragazza di 23 anni studentessa del quinto anno di Medicina, che quando ha scoperto che l’atrio destro del suo cuore ospitava un angiosarcoma cardiaco - tumore molto aggressivo che colpisce 2-3 persone per milione di abitanti, per il quale è scomparsa a marzo - ha voluto fondare questa onlus.

Lo scopo dell’associazione nonché del torneo è quello di poter raccogliere dei fondi per investire nella ricerca scientifica contro questa patologia, in modo che, come ha detto Sofia stessa nella lettera con cui ha raccontato la sua storia e ha fondato l’associazione benefica: “mai più nessuno riceva una sentenza di morte come è capitato a me e a tutte le persone che hanno lottato contro la stessa malattia”.

All’evento, l’arbitro della Commissione Nazionale di Serie D Guglielmo Noce insieme ai colleghi del Comitato Regionale ligure e dell’organico sezionale Martina Violi, Mattia Romeo, Camilla Risio, Davide Botto, Palmiro Scandale e Luigi Ucci, sotto la supervisione del Presidente Roberto Romeo, hanno partecipato alla raccolta benefica dirigendo le gare, allestendo uno stand e partecipando alle varie attività durante la giornata. Gli arbitri genovesi hanno così dimostrato come tra gli obiettivi dell’Associazione Italiana Arbitri, ci sia, oltre a quello di fare attività tecnica e associativa, quello umanitario.

Entusiasta che la Sezione di Genova abbia partecipato all’evento il Presidente Roberto Romeo: “Essere oggi qui presente con i nostri ragazzi mi rende felice per un duplice motivo: poter aiutare la raccolta benefica in modo che si possa investire sempre di più nella ricerca scientifica, ma soprattutto mostrare ai miei ragazzi l’esempio di Sofia che, in un momento tragico, non ha mostrato cedimenti, ma ha subito pensato al bene degli altri”.

La Presidente dell’associazione “Sofia nel cuore”, sorella di Sofia, Ilaria Sacchitelli ha dichiarato: “Siamo qui oggi per portare avanti il progetto di Sofia, con l’obbiettivo migliorare la ricerca sia a livello di laboratorio, sia per dare ai pazienti affetti da questa patologia molto rara una qualità di vita migliore rispetto a quella che ha avuto Sofia, a causa della difficoltà che i medici hanno dovuto affrontare per la rarità di questo tumore. Per questo motivo, ringrazio la Sezione AIA di Genova di averci aiutato partecipando a questo evento e sponsorizzando la nostra onlus tra i suoi arbitri”.

Per chi volesse aiutare l’onlus “Sofia nel cuore” è possibile contatare direttamente l'associazione.

 

In copertina i membri dell’associazione “Sofia nel cuore” con alcuni arbitri genovesi prima della premiazione.

In gallery:

  1. Gli arbitri genovesi che hanno partecipato all’evento con il Presidente Roberto Romeo;
  2. La Presidente dell’associazione “Sofia nel cuore” Ilaria Sacchitelli con il Presidente Roberto Romeo;
  3. Lo stand organizzato dalla Sezione di Genova con alcuni arbitri genovesi e il Presidente Romeo;
  4. Alcuni degli arbitri genovesi che hanno partecipato all’evento con il Presidente Roberto Romeo.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri