“La vera sfida è ricoprire questo ruolo difficile”, parola ai neo arbitri

“La vera sfida è ricoprire questo ruolo difficile”, parola ai neo arbitri

Sezione di Sala Consilina

Lo scorso 20 gennaio si sono svolti per la Sezione di Sala Consilina gli esami del primo Corso Arbitri della corrente Stagione Sportiva. A causa della situazione epidemiologica, le prove di valutazione sono state sostenute in modalità online, nonostante gran parte delle lezioni di preparazione al superamento dell’esame, sono state tenute in presenza presso la sede sezionale.

La Commissione esaminatrice era presieduta dal Componente del Comitato Regionale Arbitri Alberico Galluccio, dal Commissario Straordinario Salvatore Morello e dal Segretario Sezionale Fabio Vitagliano. Presenti in videoconferenza anche Manuelle Cuozzo, Nicola Monaco e Massimo Manzolillo, che hanno curato le lezioni del Corso Arbitri. Ai candidati, tra cui vi è una cospicua quota rosa, è stato chiesto di sostenere una prova scritta, consistente in un quiz composto da 20 domande sul Regolamento del Gioco del Calcio, e da una successiva prova orale. Tutti idonei gli esaminandi: Filippo Aromando, Livia Cobucci, Francesco Comuniello, Carmen De Mauro, Giorgia Nola, Giuseppe Pucciarelli, Matteo Stabile e Vadim Ungureanu.

Al termine della giornata, parola ai neo arbitri. Ai ragazzi è stato chiesto di presentarsi e di raccontare nello specifico come siano venuti a conoscenza del Corso e perché hanno deciso di frequentarlo. Queste le parole di Vadim: “Mi sono iscritto grazie ad un mio amico, entrato a far parte dell’Associazione da poco, il quale parlando delle sue esperienze è riuscito a suscitare in me la curiosità di vivere la passione per il calcio in maniera differente, attraverso la figura del direttore di gara”. Queste invece le parole di Filippo: “E’ stata davvero una bellissima esperienza, grazie al massimo supporto di chi ha curato il Corso e la viva partecipazione di tutti noi aspiranti arbitri. Dirigere una gara può sembrare difficile per via delle importanti decisioni da prendere in pochi secondi, ma è questa la vera sfida che ti sprona a ricoprire questo ruolo”.

Il contributo più importante a questo evento è stato dato dal Componente CRA Alberico Galluccio. E’ riuscito fin da subito a mettere a proprio agio gli aspiranti fischietti ed al termine delle prove ha voluto dedicare loro un pensiero: “Da qui inizia per voi un nuovo percorso che vi farà tagliare traguardi importanti, in cui l’aspetto essenziale che deve caratterizzare ogni vostra prestazione è il divertimento, che deve essere sempre accompagnato da professionalità. Non tutti arriverete in Serie A, ma qualsiasi obiettivo è raggiungibile col massimo impegno. All’interno del dizionario la parola ‘successo’ viene prima di ‘sudore’, nella realtà invece, la seconda precede sempre la prima”.

Al termine della giornata, Salvatore Morello ha ribadito i punti essenziali che non devono mancare nel percorso di crescita di un arbitro: l’attitudine, l’allenamento e la preparazione tecnica. Mostrando così tutta la sua soddisfazione nel salutare i ragazzi che sono entrati ufficialmente a far parte dell’AIA.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri