Le donne arbitro campane a raduno con l’internazionale Maria Marotta

Le donne arbitro campane a raduno con l’internazionale Maria Marotta

Sezione di Benevento

Lo scorso 1 e 2 giugno la Sezione AIA di Benevento ha organizzato uno stage che ha visto come protagoniste gli arbitri e gli assistenti donna appartenenti all’Organo Tecnico Regionale, durante il quale le atlete hanno avuto la possibilità di allenarsi e confrontarsi con l’internazionale Maria Marotta della Sezione di Sapri, prima donna nella storia del calcio italiano ad arbitrare una gara di Serie B.

Nel corso dei lavori, contornati da due sedute atletiche presso il Polo sezionale, sono stati analizzati diversi filmati riguardanti casi di challenges, falli di mano, DOGSO, SPA e fuorigioco. Le ragazze hanno altresì diretto in terna le gare della 3^ Shalom Women’s Toner Italia Cup, prestigioso quadrangolare di calcio femminile tenutosi a Pietrelcina nei giorni dello stage.

Durante il torneo il nutrito gruppo di arbitri ha visionato le terne che si sono susseguite nelle direzioni delle gare, traendo interessanti spunti di approfondimento regolamentare sotto la guida di Maria Marotta e del Componente Regionale Luigi Signoriello. “Per arbitrare dovete capire di calcio: guardate più partite possibili, dalla Serie A alle categorie inferiori, ogni gara può insegnarvi qualcosa”, così Maria Marotta si è rivolta alle giovani colleghe. La stessa ha poi regalato alla terna della finale del quadrangolare, composta da Roberta Esposito di Avellino, Maria Vittoria Ievolella di Benevento e Francesca Torraco di Salerno, l’emozione di dirigerla con gli auricolari, come nei massimi campionati nazionali.

Al termine dei due intensi giorni di lavoro, il gruppo di atlete è stato congedato con i saluti dapprima di Maria Marotta: “Precisione in campo e fuori dal campo. Quando indossate la divisa rappresentate in primis tutta l’AIA, ma anche il movimento femminile regionale campano: avete il dovere di dare l’esempio alle nuove leve con comportamenti corretti sui social e nella vita di tutti i giorni. Il consiglio spassionato che vi do è quello di farvi trovare pronte, poiché avete adesso più possibilità rispetto a qualche anno fa di arrivare a traguardi importanti. Gli scalini da salire sono tanti: se poi su uno scalino inciamperete, tendenzialmente non ci sarà nessuno che vi potrà soccorrere, ma a dovervi rialzare dipenderà solo ed esclusivamente da voi. Per riuscire l’allenamento, l’alimentazione, il lavoro sul campo e lo studio del regolamento sono imprescindibili”.

Infine il saluto del Presidente Sezionale Daniele Mazzulla: “La nostra realtà calcistica campana cresce attraverso questi momenti: se l’organizzazione del torneo non avesse richiesto gli arbitri AIA, voi non avreste avuto la possibilità di vivere questi momenti formativi. L’unico modo che abbiamo per crescere, dunque, è fare squadra con tutte le componenti sportive”.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri