L’importanza di curare i dettagli per l’arbitro CAN Lorenzo Maggioni

L’importanza di curare i dettagli per l’arbitro CAN Lorenzo Maggioni

Sezione di Novara

Nella serata di lunedì 16 maggio si è svolta l’ultima Riunione Tecnica Obbligatoria stagionale della Sezione di Novara presso la nuova sede. Grande è stata l’affluenza degli associati novaresi per l'ospite Lorenzo Maggioni della Sezione di Lecco, arbitro in forza alla Commissione Nazionale di Serie A e B. Ad aprire l'incontro è stato il Presidente sezionale Andrea Riccardi che, dopo aver introdotto l'ospite, ha ricordato nostalgicamente gli anni in cui entrambi facevano parte dell'organico della CAN D. Il fischietto lecchese ha iniziato il proprio intervento introducendo il tema della consapevolezza.

Lorenzo, partendo dalla sua esperienza, ha elencato ai presenti alcune caratteristiche da possedere per diventare più consapevoli di sé stessi. Ad esempio la gestione della gara, la conoscenza del Regolamento e soprattutto la cognizione dell'errore; è proprio sulla consapevolezza che si basa il lavoro dell’arbitro. L'ospite ha poi mostrato ai presenti alcuni episodi di partite che l'hanno visto protagonista. Diversi sono stati gli interventi da parte degli associati novaresi che, con grande interesse, hanno reso dinamico l’incontro.

Ciò che Maggioni ha maggiormente sottolineato è stata la cura per i dettagli, che con il tempo l'ha portato ad essere un arbitro migliore: “I dettagli sono quelli che fanno la differenza. Sono Cardini fondamentali che devono contraddistinguere sia un arbitro sia, più in generale, uno sportivo. Tra questi ci sono lo spirito di sacrificio e l’impegno costante”. Proprio per questo motivo Lorenzo ha invitato tutti a riflettere su di un video motivazionale che riportava le parole del compianto giocatore di basket Kobe Bryant.

La serata è proseguita con la visione di un breve filmato di Julio Velasco, incentrato sulla differenza tra gruppo e squadra: “Il termine gruppo fa riferimento a un numero di persone associate insieme in un lavoro o in un’attività. Invece, i membri di una squadra hanno obiettivi comuni, ruoli chiari, interdipendenti e consapevoli delle reciproche debolezze”. Maggioni ha poi insistito su quanto sia fondamentale il ruolo della squadra nell’ambito dell’arbitraggio. Con Una frase di Stefano Farina, Lorenzo ha concluso il suo intervento e ha omaggiato la Sezione AIA di Novara con una propria divisa ufficiale. La serata è poi terminata con i ringraziamenti e un omaggio da parte del Presidente Riccardi. 

 

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri