Nuove riunioni per presentare il progetto 'Erasmus Arbitrale'

Nuove riunioni per presentare il  progetto 'Erasmus Arbitrale'

Proseguono le presentazioni sul territorio del progetto Erasmus Arbitrale. Nelle ultime settimane Renato Faverani, Componente della Commissione di studio per l’Erasmus Arbitrale ed i Rapporti Internazionali, ha infatti tenuto nuove riunioni nelle Sezioni AIA. Le ultime in ordine di tempo sono state quelle di Bergamo, Seregno e Milano.

Faverani ha illustrato il programma dell’attuale Stagione Sportiva che vedrà impegnati circa 70 arbitri selezionati in vari tornei che si svolgeranno Spagna, Portogallo, Svezia, Francia e Florida, quest’ultimo dedicato esclusivamente alle ragazze arbitro. I giovani arbitri presenti hanno poi interagito con domande che hanno evidenziato il notevole l’interesse a questa importante opportunità di crescita tecnica, culturale ed associativa. L'obiettivo di questa iniziativa formativa è sviluppare aspetti cruciali nella vita dei giovani, sia all'interno sia al di fuori del campo. Ciò include la promozione della collaborazione e della comunicazione efficace all'interno di un gruppo di lavoro, il miglioramento dell'uso della lingua inglese e la crescita personale in un contesto e in una nazione completamente nuovi.

La seconda parte delle seratea ha visto impegnato Faverani, assistente arbitrale della finale della World Cup del 2014, nella funzione di docente. Sono stati affrontati aspetti più tecnici legati all’aspetto atletico-tattico della funzione arbitrale in concezione moderna. Tanti i filmati visionati, riguardanti temi importanti come la proximity, il team work e la precisione tecnica. Frase di grande effetto è stata “negli ultimi minuti l’arbitro non può sbagliare neanche un sospiro”, questo a rimarcare l’importanza della concentrazione dell’arbitro fino al triplice fischio. Interessanti sono state le considerazioni e le osservazioni dei giovani colleghi intervenuti sempre durante questo importante momento tecnico.

In chiusura Renato Faverani ha rimarcato la necessità di essere sempre pronti a cogliere sempre al meglio le opportunità che l'Associazione Italiana Arbitri mette a disposizione per la crescita della figura arbitrale.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri