Omaggio solidale degli arbitri ai bambini ricoverati in ospedale

Omaggio solidale degli arbitri ai bambini ricoverati in ospedale

Caltanissetta

Coi campionati fermi per la pausa natalizia, la Sezione AIA di Caltanissetta è scesa in campo per la solidarietà: dopo lo stop imposto lo scorso anno dalla pandemia, gli associati nisseni hanno regalato regalano alla Pediatria dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, nella giornata dello 22 dicembre, quattro lavagne magnetiche riscrivibili. L’iniziativa prendeva corpo due anni fa quando, durante la conviviale di Natale, era stata raccolta una somma di denaro che consentì, allora, di donare un carrello per la sala operatoria dello stesso reparto. “Sono molto orgoglioso dei miei ragazzi - dice il presidente Domenico Amico - Hanno deciso che la pandemia non può fermare la condivisione con chi ha bisogno ed hanno organizzato una raccolta fondi che ha permesso di donare al reparto di Pediatria delle lavagne utili sia come bacheca che, soprattutto, come strumento per le attività ludiche e didattiche dei bambini ricoverati”.

Padre Giuseppe Anfuso, cappellano del nosocomio nisseno, ha elogiato l’iniziativa: “Ringrazio la sensibilità del presidente Amico e degli associati della sezione AIA di Caltanissetta per la meritoria iniziativa. Si tratta di un grande gesto per questi bambini e per l’intero reparto: la generosità dimostrata dall’AIA è un insegnamento di amore per tutti. Solitamente si guarda all’utile economico mentre deve essere l’amore a guidare gesti ed iniziative come queste, che rendono l’ambiente ospedaliero più vicino a quello familiare affinché risulti meno pesante la degenza dei piccoli pazienti”.

Il dottore Giovanni Chiara, primario del reparto, nell’apprezzare la donazione ha sottolineato che “sono segni come questi che dimostrano la grandezza dell’umanità. Agli arbitri nisseni va la nostra gratitudine”.

Amico ha ancora evidenziato che “i ragazzi, spossessandosi di quanto hanno potuto per donarlo a chi è nella sofferenza, dimostrano grande maturità. Loro, che saranno i futuri amministratori della cosa pubblica, medici, insegnanti… con questa iniziativa sono sulla buona strada per raggiungere la Serie A nella vita”. Il Presidente sezionale ha concluso citando Madre Teresa di Calcutta: “Quello che facciamo è soltanto una goccia nell'oceano. Ma se non ci fosse quella goccia, all'oceano mancherebbe”.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri