Orsato: “Chi vince festeggia, chi perde si giustifica”

Orsato: “Chi vince festeggia, chi perde si giustifica”

Sezione di Olbia

Serata delle grandi occasioni quella che si è svolta ad Olbia: la Sezione gallurese ha infatti avuto il piacere di ospitare l’arbitro internazionale Daniele Orsato, sorteggiato per la stagione in corso.

La caratura dell’ospite ha richiamato associati da tutte le Sezioni sarde: padroni di casa il presidente di Sezione Serafino Ruoni e l'arbitro CAN Antonio Giua, unitamente al Presidente del Comitato Regionale Arbitri Sardegna Marcello Angiuoni.

Dopo i saluti di rito, prima di cedere la parola al prestigioso ospite, il Presidente Ruoni ha consegnato il premio Fair Play ad un giovane atleta, Omar Achab, tredici anni, resosi responsabile di un grande gesto di maturità sportiva, avendo fatto notare all’arbitro, nel corso di una gara di Under 15 provinciali, di aver realizzato una rete con la mano, facendola annullare. Al giovane atleta, prossimo all’età per la frequentazione del corso arbitri, Ruoni ha regalato anche un fischietto, invitandolo a sfruttare la possibilità del doppio tesseramento per la prossima stagione.

Spazio anche per la consegna di una borsa di studio all’arbitro di Prima Categoria Michele Piras, per aver reclutato nel corso della corrente stagione ben ventisei nuovi Arbitri, ventitre dei quali hanno già calcato i campi galluresi.

Daniele Orsato ha iniziato il suo intervento riprendendo l’episodio del giovane Omar, augurandosi che questo possa diventare la normalità e non l’eccezione.

“Non sono venuto a insegnare nulla”: queste le prime parole di Orsato, il quale ha da subito rimarcato ai presenti, soprattutto ai giovani arbitri, come ognuno sia artefice del proprio destino.

Solo con la determinazione, l’impegno e la voglia di sacrificarsi si può ambire alla Serie A, ricordando come lui stesso agli inizi della sua carriera, nel 1992, si prefisse quell’obiettivo in 16 anni, riuscendoci non senza sacrifici, inciampi e ripartenze.

Orsato ha sottolineato più volte, dall’inizio alla fine, come la tecnica la si possa e debba apprendere frequentando la Sezione, confrontandosi con i colleghi più esperti, ha invitato i ragazzi e le ragazze a non soffermarsi su una singola gara, ma a lavorare settimanalmente sulle proprie prestazioni, costruendo il proprio futuro designazione dopo designazione: “Chi vince festeggia, chi perde si giustifica”.

Proprio in base a questo assunto, Orsato ha invitato i giovani a fare dell’autocritica la principale forma di accrescimento personale. Cercando di trovare anche nelle prestazioni negative gli spunti necessari per migliorare già dalla settimana successiva.

La lezione “motivazionale” è proseguita tenendo sempre come leitmotiv la voglia di sacrificarsi e di scommettere su sé stessi, non senza l’immancabile passione che deve accompagnare il percorso.

Al termine dell’intervento di Orsato, spazio alle domande, per una partecipata fase conclusiva della riunione.

La Sezione di Olbia ha omaggiato Orsato con un cesto di prelibatezze locali mentre Daniele ha voluto donare alla Sezione una maglia utilizzata durante gli Europei disputati nel 2021.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri