Raduno CAN: test atletici e un approfondimento sui gravi falli di giuoco

Raduno CAN: test atletici e un approfondimento sui gravi falli di giuoco

Commissione Arbitri Nazionale di Serie A e B

Conoscenza regolamentare, comunicazione efficace, tempistica di intervento’. Sono questi i tre cardini sui quali si è sviluppata, durante la terza giornata di raduno, la riunione tecnica per arbitri e assistenti della CAN. In aula sono state proiettate numerose dinamiche di giuoco, con la successiva analisi effettuata dalla Sala VAR. A tenere la riunione sono stati il Responsabile della CAN Gianluca Rocchi ed il Componente Andrea Gervasoni, che la scorsa Stagione Sportiva aveva già seguito in maniera particolare l’attività VAR a Lissone.

Quello dei video match officials è un corpo specialistico che rappresenta un vero fiore all’occhiello per l’AIA – ha detto Gianluca Rocchi – E’ un gruppo molto preparato che può essere considerato come una piccola Commissione, con possibilità di carriera molto importanti nel ruolo. Anche dall’estero, quando i nostri VMO operano a livello internazionale, sono sempre giunti feedback molto positivi sul loro grado di preparazione. Il VAR è un supporto considerevole e deve lavorare al servizio dell’arbitro, questo non vuol comunque dire che l’elemento centrale non rimanga sempre il collega che è in campo”.

Un’altra riunione tecnica ha riguardato il tema dei ‘gravi falli di giuoco’. Anche in questo caso le analisi si sono sviluppate attraverso la visione di numerosi video didattici relativi a partite sia dei Campionati italiani sia di quelli esteri. “E’ necessario assumere una decisione anche con un body language che esprima forza – ha dichiarato il Componente Antonio Damato - Bisogna quindi allenare anche questo aspetto”. Ad intervenire sono stati anche i Componenti Dino Tommasi, Elenito Di Liberatore e Mauro Tonolini.

In aula, ad assistere alle riunioni, erano inoltre presenti il Responsabile della Commissione Osservatori Nazionale Professionisti Riccardo Tozzi, insieme ai Componenti Stefano Calabrese, Rito Briglia e Rosario Carlucci. I lavori sul terreno di giuoco hanno visto l’organico degli assistenti impegnato nei test atletici, mentre gli arbitri hanno svolto un allenamento collettivo con la simulazione VAR.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri