Raduno intersezionale nel nome della storica amicizia

Raduno intersezionale nel nome della storica amicizia

Sezioni di Catanzaro e Soverato

Si è svolto lo scorso 17 ottobre, a Catanzaro Lido, il raduno intersezionale, organizzato dalle Sezioni di Catanzaro e Soverato, degli arbitri ed osservatori di calcio e futsal, inquadrati nell’Organo Tecnico Sezionale.

L’evento è il frutto della salda amicizia tra le due Sezioni, nonché della voglia di ricominciare dei loro dirigenti ed arbitri.

Francesco Zangara, neo eletto Presidente di Catanzaro, e Pantaleone Procopio, di Soverato, prima dell’inizio dei lavori hanno offerto in visione un video in cui erano registrati i saluti, ai giovani arbitri, da parte di tutti i colleghi delle due Sezioni inquadrati negli Organi Tecnici Nazionali, nonché quelli del famoso cantautore conterraneo Eman.

I Componenti del Settore Tecnico dell’AIA, Alessandro Guerriero ed Ercole Vescio, hanno illustrato, in modo magistrale, la Circolare 1;  il primo per ciò che concerne gli arbitri ed osservatori del calcio, mentre il secondo, supportato dagli Organi Tecnici delle due Sezioni, ha spiegato le novità regolamentari, introdotte per la corrente Stagione Sportiva, relative al calcio a 5.

Gli arbitri e gli osservatori, successivamente, hanno sostenuto i quiz tecnici, le cui risultanze sono state soddisfacenti.

Una volta completati i test, i partecipanti al raduno hanno ricevuto i saluti e gli auguri da parte di: Francesco Falvo, Responsabile della Commissione Arbitri Nazionale per il Calcio a 5; Giacomo Bruzzano, Componente del Comitato Regionale Calabria; Giuseppe Della Torre, Responsabile Regionale Calcio a 5; Lino Posillipo, Responsabile della Delegazione Distrettuale della FIGC; don Gaetano Rocca, padre spirituale della Sezione di Catanzaro.

E’ poi intervenuto Saverio Mirarchi, Presidente del Comitato Regionale Calabro FIGC – Lega Nazionale Dilettanti, il quale ha ribadito la sua vicinanza al mondo arbitrale, ricordando come anche il padre sia stato un arbitro, augurandosi al contempo che tra i presenti in sala, qualcuno possa esordire nella massima serie.

Stefano Archinà, Componente del Comitato Nazionale dell’AIA., ha chiuso i lavori della mattinata e, dopo essersi congratulato con i Presidenti per l’iniziativa del raduno congiunto, ha sottolineato l’importanza dell’evento ed ha invitato i giovani colleghi ad approfittare di queste occasioni di formazione di alto valore tecnico e di aggregazione. 

Dopo il consueto momento di convivialità, molto apprezzato da tutti i partecipanti, i lavori sono poi ripresi nel pomeriggio, con l’intervento di Antonio Rocca, Giudice Sportivo presso la Delegazione Provinciale di Catanzaro, il quale ha evidenziato l’importanza del referto dell’arbitro ed ha fornito ai più giovani preziosi consigli sulla redazione del rapporto di gara.

Lorenzo Costa, Vice Presidente Vicario della Sezione di Catanzaro, ha dato le disposizioni, agli arbitri, per la Stagione Sportiva 2021 /2022.

Parimenti, Francesco Minio, Vice Presidente della Sezione di Catanzaro, ha fornito agli osservatori le direttive per la nuova annata, ribadendo come il colloquio post gara con l’arbitro, non potrà, nel rispetto della normativa anti COVID, essere svolto negli spogliatoi.  

L’associato Alessio Codispoti, con il supporto e l’interlocuzione dei due Presidenti di Sezione, ha illustrato, sinteticamente, le norme ed i principi del codice etico.  

I partecipanti al raduno, inoltre, hanno ascoltato, con vivo interesse, la relazione, corredata da alcune slide molto accattivanti di Fabrizio Colosimo, sull’evoluzione della figura dell’arbitro, nonché i consigli pratici e molto utili forniti, da Francesco Bianco - segretario della Sezione di Soverato, dal momento dell’accettazione della gara alla preparazione del borsone.

Gabriele Zangara di Catanzaro ed attualmente inquadrato nell’organico della Commissione Arbitri Nazionale dei Dilettanti, ha ultimato i lavori mediante una interessante match analysis, illustrando i comportamenti di un arbitro durante una gara.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri