Raduno metà Campionato CON Dil, Gaggero: “Obiettivo dell’osservatore trasmettere i contenuti in maniera chiara”

Raduno metà Campionato CON Dil, Gaggero: “Obiettivo dell’osservatore trasmettere i contenuti in maniera chiara”

CON Dil

Seconda e ultima giornata di lavori per la CON Dil, guidata dal Responsabile Luca Gaggero, con i convocati al primo concentramento del Raduno di metà Campionato all’Hotel Quark di Milano. L’organizzazione del Raduno è stata come sempre affidata a Enrico Ciuffra e Vittorio Filabozzi della Segreteria delle Commissioni Osservatori Nazionali.

Primo intervento quello di Alessandro Pizzi, Responsabile della CAN D, a raccordo del lavoro svolto quotidianamente in sinergia tra le due Commissioni: “Quello che stiamo facendo oggi qui con voi è il medesimo lavoro che abbiamo fatto settimana scorsa con l’Organico al completo della CAN D ha ribadito Pizzi -. I segnali che ci fate arrivare dopo ogni gara sono per noi importantissimi. Se cercate invece di snaturare la vostra capacità valutativa, cercando di provare ad allinearvi a quelle che potrebbero essere le valutazioni della Commissione CAN D, state sbagliando strada. Non solo per voi stessi, ma anche e soprattutto per la crescita dei nostri ragazzi”. Pizzi ha mostrato quindi una serie di filmati tratti dalle gare di questa stagione sul Match Management; filmati che sono stati analizzati anche con l’Organico CAN D. Ad accompagnare Pizzi i Componenti della CAN D Giulio Dobosz e Daniele Martinelli.

Il Componente della CON Dil Valerio Caroleo ha invece tenuto un intervento sulla sperimentazione della nuova relazione: “Quello che per ora è un test ha diversi obiettivi: oggettivare la prestazione, collegare gli eventi, centrare il colloquio che sarà più efficace. Bisogna iniziare a capire che la direzione di una gara è sempre più adeguata al gioco del Calcio”.

Gaggero in chiusura di Raduno è tornato sul colloquio di fine gara con arbitri e assistenti: “Il colloquio ognuno di noi lo fa con un proprio stile, e così deve essere. Questa Commissione non può dire quindi che ci sia un modo giusto di fare il colloquio, ma può dire che c’è un obiettivo, quello di trasmettere in maniera chiara i contenuti ad arbitri e assistenti, e per quanto riguarda i Componenti, a voi osservatori”. Infine, ha spronato la Commissione e gli osservatori: “Inizia il girone di ritorno: stiamo concentrati, determinati e focalizzati. Il bello inizia adesso”.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri