Siglato un protocollo di intesa tra Città Metropolitana di Roma Capitale e l’AIA per la promozione dell’attività arbitrale tra gli studenti

Siglato un protocollo di intesa tra Città Metropolitana di Roma Capitale e l’AIA per la promozione dell’attività arbitrale tra gli studenti

Città Metropolitana di Roma Capitale e Associazione Italiana Arbitri hanno firmato oggi un protocollo di intesa per l’attivazione di percorsi formativi propedeutici alla carriera di arbitro negli istituti superiori del territorio metropolitano. A siglare il documento, presso Palazzo Valentini a Roma, sono stati il Sindaco Roberto Gualtieri e il Presidente dell’AIA Carlo Pacifici

Con 206 Sezioni, di cui sette situate nel territorio metropolitano romano, e 20 Comitati Regionali e Provinciali sul territorio nazionale, l’AIA, nel solco dell’accordo stipulato con il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara lo scorso novembre, rende effettivo anche su Roma e gli altri comuni della Città Metropolitana l’impegno alla promozione dell’attività arbitrale tra gli studenti degli istituti superiori, nonché alla diffusione della cultura del rispetto, dei valori e della crescita personale e sociale che lo sport porta con sé. 

Lo straordinario investimento sulle scuole superiori del nostro territorio che questa Amministrazione sta facendo non riguarda una prospettiva puramente gestionale degli spazi, di cui certamente c’è grande necessità, ma si pone all’interno di una visione e di un obiettivo di crescita complessiva dei nostri ragazzi, sostenendoli nello sviluppo di competenze specifiche e ponendo le condizioni per l’acquisizione di valori e strumenti necessari alla loro realizzazione personale e sociale, attuale e futura – ha commentato il Sindaco della Città Metropolitana di Roma Capitale Roberto Gualtieri –. È indubbio che lo sport sia un potente veicolo di cultura, rispetto, legalità, collaborazione, nonché argine a fenomeni di violenza e discriminazione, che formano e rendono i cittadini di domani più consapevoli”.

Il protocollo con Città Metropolitana di Roma Capitale segue l’accordo storico con il Ministero dell’Istruzione e del Merito che ci ha aperto le porte degli istituti scolastici nazionali. Le scuole rappresentano la principale modalità di reclutamento per garantire un continuo ricambio generazionale all’AIA ed al calcio in generale – ha affermato il Presidente dell’Associazione Italiana Arbitri Carlo Pacifici –. Fare l’arbitro significa scegliere di essere protagonisti anziché spettatori, confrontarsi con i propri limiti, crescere attraverso l’assunzione delle proprie responsabilità. Le nostre Sezioni sono un punto di riferimento non solo sportivo ma anche sociale in quanto presidi di legalità, di giustizia e di pace. Questa intesa è importante perché ci consentirà di condividere un percorso di regole e valori e di testimoniare la nostra esperienza di vita e di sport in tutte le scuole del territorio metropolitano”.   

Sono contentissimo di aver sottoscritto il protocollo siglato da AIA e Città Metropolitana di Roma Capitale. Il documento che abbiamo presentato promuove i valori della legalità, del rispetto delle regole e delle persone attraverso iniziative di promozione e formazione della professione arbitrale negli Istituti Superiori del territorio. In questo modo la Città Metropolitana e l’AIA vogliono contrastare l’odioso e preoccupante fenomeno della violenza, valorizzando l’importanza dell’attività sportiva, intesa anche come formidabile strumento per la crescita individuale e sociale dei ragazzi”, ha aggiunto il Consigliere metropolitano con delega all’Edilizia scolastica, Impianti sportivi e politiche della formazione Daniele Parrucci.

Attualmente l’AIA conta 33 mila associati (di cui 2.300 ragazze), che dirigono 550 mila partite ogni anno, dalla Serie A ai campionati giovanili provinciali, garantendone la regolarità e permettendo a tanti altri giovani di praticare sport.

Erano presenti all’incontro anche il Vice Presidente dell’Associazione Italiana Arbitri Alberto Zaroli, il Responsabile della Commissione Arbitri Nazionale Serie C Maurizio Ciampi, il Segretario dell’AIA Silvia Moro, il Presidente del Comitato Regionale Arbitri del Lazio Francesco Massini, il Componente del CRA Lazio Davide Fardelli, e i Presidenti Sezionali Carmelo Battaglia (Albano Laziale), Daniele Doveri (Roma 1) – accompagnato dal vice presidente vicario Mirko Ventrone –, Paolo Ricci (Ostia Lido), Marco Sacco (Civitavecchia), Paolo Samà (Ciampino) e Domenico Trombetta (Roma 2).

A suggellare l’intesa tra le istituzioni metropolitane e arbitrali la partecipazione degli studenti del Liceo Scientifico Sportivo Murialdo San Paolo e di una folta rappresentanza di arbitri e assistenti composta dall’arbitro internazionale di futsal Giovanni Zannola – presente anche in qualità di Consigliere dell’Assemblea Capitolina e Presidente della Commissione Mobilità di Roma Capitale –, dagli arbitri nazionali Davide Di Marco (CAN), Dario Di Francesco (CAN C), Alessandro Silvestri (CAN C), Mattia Ubaldi (CAN C), Davide Testoni (CAN D), Daniele Perrino (CAN 5) e Nunzio Grasso (CAN BS), e dagli assistenti nazionali Stefano Del Giovane (CAN), Domenico Fontemurato (CAN), Andrea Zezza (CAN C) e Cristiano Rosati (CAN D).        

Al Sindaco Roberto Gualtieri sono stati infine donati una divisa arbitrale personalizzata ed il gagliardetto dell’Associazione Italiana Arbitri.

 

In copertina, Pacifici dona a Gualtieri la divisa arbitrale ed il gagliardetto dell'AIA alla presenza di Parrucci.

In gallery:

1: la firma del protocollo d'intesa;

2: Gualtieri e Parrucci consegnano un piccolo omaggio a Pacifici;

3-4: l'intervento di Pacifici;

5-6: foto di gruppo della delegazione dell'AIA con Gualtieri, Parrucci e Pacifici;

7: gli studenti del Liceo Scientifico Sportivo Murialdi San Paolo con le istituzioni metropolitane e arbitrali;

8: arbitri e assistenti presenti in sala.

 

 

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri