‘Sport è inclusione’, la solidarietà degli arbitri di Lamezia Terme

‘Sport è inclusione’, la solidarietà degli arbitri di Lamezia Terme

Sezione di Lamezia Terme

“Sport e inclusione rappresentano tantissimo anche la nostra Associazione”. Frase pronunciata dalla Componente Nazionale dell’AIA Katia Senesi davanti i giovani sportivi paraolimpici dell’ASD Lucky Friends, nel corso dell’evento ‘Sport è inclusione’, organizzato a Lamezia Terme dalla locale Sezione AIA. Katia è stata la madrina di una serata memorabile, con un ricco parterre di relatori che hanno diffuso messaggi importanti inerenti i valori dello sport, indiscutibili per chiunque, ma di grande riscatto sociale per gli atleti diversamente abili.

La riuscitissima manifestazione di solidarietà, svolta lo scorso 28 marzo nella sala congressi dell’Hotel T, ha avuto il fine principale di consegnare alla Lucky Friends il provento di una raccolta fondi degli arbitri lametini.

Il Presidente di questa ASD, che ha come sede una struttura confiscata alla criminalità, è Rosario Cortese, che non poteva mancare al tavolo dei relatori: “La nostra Associazione, che coordina anche laboratori formativi e di crescita, è diretta da persone che vogliano far emergere il meglio dai propri figli. Grazie per questa donazione spontanea, che servirà per accompagnare i nostri ragazzi ai Giochi di Torino del giugno 2022”, ha commentato Cortese.

Tanti gli spunti di riflessione per gli altri relatori, i cui interventi sono stati moderati dal giornalista Ugo Floro. Il primo, subito dopo la proiezione di un video della Lucky Friends - nata nel 2012 e già con diverse medaglie e riconoscimenti vari nel suo palmares - è stato quello dell’acclamato promotore di questa lodevole iniziativa, il Presidente della Sezione AIA di Lamezia, Gianfranco Pujia: “Vedere questi ragazzi speciali che praticano e condividono i valori dello sport con tanti loro coetanei tocca profondamente il nostro animo. Molti sono i punti che accomunano associazioni come l’ASD Lucky Friends e le Sezioni arbitrali, che formano atleti e tecnici – ha concluso Pujia - ma prima cittadini esemplari”.

Sono seguiti i saluti della rappresentanza del Comune di Lamezia Terme, l’Assessora allo Sport e Politiche sociali Luisa Vaccaro e il Sindaco Paolo Mascaro. “I risultati di questi ragazzi sono testimonianza attiva dello sport che ovunque è inclusione; grazie per l’organizzazione di questo evento agli arbitri, coloro che fanno delle regole un paradigma esistenziale e in prima linea nella solidarietà”, ha detto Luisa Vaccaro. Gli ha fatto eco il primo cittadino di Lamezia: “La Lucky Friends è nostro motivo di orgoglio, che come le Sezioni AIA – ha concluso Paolo Mascaro – è brava a trasmettere la cultura dello sport”.

“Molto importanti gli argomenti che si stanno trattando questa sera e che interessano anche il nostro Comitato: al Centro Federale di Catanzaro abbiamo una scuola calcio per bambini diversamente abili”, ha commentato invece il Presidente regionale LND, Saverio Mirarchi.

E’ stata poi la volta degli altri dirigenti della rappresentanza arbitrale, il Presidente Regionale Franco Longo e i Componenti Nazionali dell’AIA Stefano Archinà e Katia Senesi. “La presenza di questi atleti arricchisce questa serata. Si tratta di ragazzi che fanno più fatica a fare sport, ma grazie all’inclusione diventa tutto più facile”, ha detto Franco Longo. Questo invece il pensiero di Stefano Archinà: “Ciò che ha organizzato la Sezione di Lamezia Terme, aprendosi al mondo paraolimpico, è molto emozionante. Questi sono gli arbitri, che si devo sempre aprire all’esterno, perché chi li conosce li ama”, ha concluso.

Serata terminata con l’atteso intervento della madrina dell’evento, Katia Senesi: “Nello sport l’arbitro è il punto di riferimento che garantisce il rispetto delle regole, la prima forma di inclusione, fortissima per chiunque”. Ha quindi risaltato il concetto del “fare squadra, mentalità vincente degli atleti, che è fondamentale nello sport per raggiungere gli obiettivi, ma anche per essere buoni cittadini”. Ha poi fatto questa riflessione sull’immobile confiscato alla malavita e oggi sede dell’ASD: “Togliere ai cattivi per dare ai buoni è stato un segnale fortissimo”.

La dirigente arbitrale era stata presentata dal moderatore come ‘ospite d’onore’, ma dopo aver fatto alzare gli atleti della Lucky Friends, si è così rivolta alla nutrita platea: “Questi ragazzi sono i veri ospiti d’onore della serata, che ci hanno regalato emozioni grandi”.

La memorabile giornata, ultimato il convegno, si è conclusa con le premiazioni per i traguardi stagionali degli arbitri lametini. Particolarmente toccante la sorpresa riservata al Presidente Gianfranco Pujia: gli associati più anziani gli hanno consegnato una targa ricordo dove spiccava a caratteri cubitali la parola ‘grazie’, per il suo impegno di sempre e per l’organizzazione dell’iniziativa ‘Sport è inclusione’, di alto spessore sociale.      

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri