Svolto il raduno di inizio Stagione, Affinito: “Si è vincenti solo se gli altri ci percepiscono tali”

Svolto il raduno di inizio Stagione, Affinito: “Si è vincenti solo se gli altri ci percepiscono tali”

CRA Campania

A Paestum, presso l’Hotel Ariston, gli scorsi 1, 2 e 3 settembre si è svolto il raduno degli arbitri, assistenti ed osservatori di Eccellenza e Promozione del Comitato Regionale Campania, presieduto dal neo Presidente Michele Affinito.

I lavori sono iniziati con gli assistenti arbitrali i quali hanno sostenuto le prove atletiche presso lo stadio comunale della vicina Capaccio Scalo. Terminati i test, alla presenza dei neo designatori regionali Alfonso Della Rocca e Pasquale Cangiano, gli assistenti si sono intrattenuti sul terreno di gioco per una lezione specifica sulle varie segnalazioni con la bandierina.

Dopo che il gruppo ha raggiunto l’hotel ed ha terminato la pausa pranzo, ad aprire lo stage in aula è stato Michele Affinito che, innanzitutto, ha esternato la sua emozione a presiedere il primo raduno da Presidente regionale; ha poi salutato tutti i presenti ringraziandoli per essere intervenuti ed aver affrontato le prove atletiche al mattino sotto la pioggia incessante.

Il raduno è poi entrato nel vivo con l'illustrazione delle novità regolamentari dell’IFAB contenute nella Circolare n. 1 ed il successivo svolgimento dei quiz regolamentari da parte della triade inviata dal Settore Tecnico dell’AIA, composta dal Responsabile Modulo Formazione Domenico Celi ed i Componenti Antonio Di Paola ed Angelo Binetti, i quali, con estrema chiarezza ed esaustiva illustrazione, hanno trasferito all'intera platea le innovazioni stagionali.

Esaurita la spiegazione della Circolare n. 1, gli assistenti arbitrali sono stati raggiunti in aula dagli arbitri inquadrati in Eccellenza per una lezione congiunta sul fuorigioco e sul briefing pre gara. Nel dopocena, spazio ai colloqui individuali.

La seconda giornata è stata interamente dedicata agli arbitri: dopo che, di buon mattino, hanno raggiunto la sede del raduno anche quelli inquadrati in Promozione, si è proceduto subito allo svolgimento dei test atletici per poi, al ritorno in aula dopo la pausa pranzo, sottoporre il gruppo alla lezione del Settore Tecnico su fuorigioco e Regola 12.

Terminata questa parte didattica, il Presidente Affinito ha intrattenuto la platea con una lezione motivazionale: mediante l’ausilio di svariate slide, gli arbitri sono stati resi edotti su quale deve essere il ‘metodo’ per meglio affrontare la Stagione Sportiva. E’ seguito, nell’ambito della didattica programmata dal CRA, l’esame, tramite video, di alcune situazioni di gioco per le quali gli attenti associati in platea dovevano decidere l’eventuale provvedimento tecnico e disciplinare da adottare.

In tarda serata, tutto il gruppo arbitrale si è trattenuto per qualche ora in aula per un focus sulla concentrazione, uno degli elementi fondamentali per gestire al meglio non solo l’attività arbitrale, ma anche la propria quotidianità.

Nel terzo ed ultimo giorno, dopo lo svolgimento dei quiz tecnici ed un ulteriore focus sulla Circolare n. 1, sono stati accolti al raduno svariati associati ed autorità federali: tra i tanti, il Componente del Comitato Nazionale dell’AIA Stefano Archinà; Paolo Gregoroni e Alberto Ramaglia, rispettivamente Componenti della Commissione Arbitri Nazionale per la Serie D e della Commissione Osservatori Nazionale dei Dilettanti; i Componenti del Settore Tecnico Angelo Cappelli, Ciro Pegno e Fausto Vuolo; il Responsabile della Commissione Esperti Legali Valerio Di Stasio ed il Presidente della LND Campania Carmine Zigarelli.

Unitamente agli ospiti, hanno raggiunto il raduno il gruppo degli osservatori arbitrali inquadrati in Eccellenza e Promozione, che sotto la guida dei due Componenti Regionali Matteo Valeriano e Salvatore Russo hanno dapprima svolto i quiz tecnici per poi ricevere le direttive tecniche per l’imminente inizio di Stagione, ed i 17 Presidenti di Sezione campani che, nel pomeriggio, hanno svolto la prima Consulta regionale.

Il neo Presidente Michele Affinito, al termine di queste impegnative tre giornate di raduno, ha manifestato il proprio compiacimento per come si è svolto lo stage: “Sono stati tre giorni intensi ricchi di emozioni; ho visto giovani con tanta voglia e passione. Il mio nuovo team di Organi Tecnici, che saranno prima di tutto formatori, osserva il giusto connubio tra esperienza e rinnovamento, con un forte focus sulla formazione e non sulla selezione. Tra le novità di quest'anno, l’organico regionale sarà un tutt’uno tra Promozione ed Eccellenza, in modo che chi è meritevole potrà subito essere impiegato nelle gare del massimo campionato regionale. In questi giorni abbiamo definito le conoscenze e le abilità che deve avere un arbitro per migliorare le sue performance, abbiamo condiviso la necessità e gli strumenti per allenare la concentrazione in gara oltre che le nostre gambe. L’arbitraggio è un connubio tra forza ed intelligenza e si è vincenti solo se gli altri ci percepiscono tali”, ha concluso Michele Affinito.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri