Una giornata da Serie A con Ermanno Feliciani

Una giornata da Serie A con Ermanno Feliciani

Sezione di Foligno

Martedì 22 novembre la Sezione AIA di Foligno ha ospitato l’arbitro appartenente alla Commissione Arbitri Nazionale Serie A e B Ermanno Feliciani.

La giornata è iniziata con un allenamento insieme a tanti giovani associati, che hanno accolto l’arbitro teramano con entusiasmo e curiosità per poi trasferirsi all’Auditorium “San Domenico”,  dove ha avuto luogo la riunione tecnica.

Durante i saluti di apertura il Presidente Sezionale Stefano Camilli, prima di proiettare un filmato con le tappe più importanti del percorso arbitrale di Feliciani, ha ringraziato i numerosi ospiti presenti: il Componente del Comitato Nazionale dell’AIA, Luca Marconi, il Presidente del Comitato Regionale Arbitri dell’Umbria, Nicola Fraschetti, il Componente del CRA Umbria, Alessio Raspa, il Componente del Settore Tecnico Arbitrale, Fabio Banconi, e il Presidente della Sezione di Terni, Alberto Tatangelo.

Per me questo è l’anno delle prime volte: la prima in Serie B, poi in Serie A ed infine al VAR”. Queste le prime parole di Feliciani davanti ad una platea gremita. Anche attraverso il supporto di diversi video di casistica, l’ospite nazionale ha affrontato quattro aspetti fondamentali dell’arbitraggio: la conoscenza del regolamento, la preparazione atletica, il ‘teamwork’ e la personalità.

Feliciani ha poi toccato il tema della preparazione all’evento: se decidere è importante, trovarsi nelle migliori condizioni per poterlo fare è fondamentale. Senza una conoscenza approfondita del regolamento e una preparazione atletica ottimale, la decisione non è coraggiosa ma si basa soltanto sulla sorte.  

Non poteva mancare un passaggio sulla gestione dell’errore: “L’errore è ciò che forgia la personalità dell’arbitro, è qualcosa che capita e con cui dobbiamo convivere. Tutti hanno il diritto di sbagliare e se si sbaglia si diventa più forti. Ma di fronte all’errore non dobbiamo mai permettere a nessuno di mancarci di rispetto”.

E poi ancora: “Ricordiamoci sempre che non siamo soli ma abbiamo due squadre con noi: la prima è la nostra Sezione e la seconda è composta dai nostri colleghi, gli unici veri amici che abbiamo all’interno del terreno di gioco”.

In chiusura la parola è tornata al Presidente Camilli, che tra gli applausi ha ringraziato Feliciani, omaggiandolo con un piccolo pensiero e ricordando i momenti arbitrali vissuti insieme nel campionato di Serie C. Grande la gioia provata dai presenti, che hanno avuto la fortuna di conoscere la straordinaria persona che si nasconde “dietro la divisa” e di creare rapporti ed amicizie che resteranno indelebili.

 

In copertina, Ermanno Feliciani con il Presidente Camilli e i Vice Presidenti Raspati e Trabalza.

In gallery:

1: foto di gruppo al termine dell’allenamento;

2: un momento della riunione;

3: Feliciani con i numerosi ospiti nazionali e regionali.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Partner solidale

Copyrights © 2021-2024 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri