Vertice della Procura arbitrale, confronto con gli altri organi di Disciplina e gli Esperti Legali

Vertice della Procura arbitrale, confronto con gli altri organi di Disciplina e gli Esperti Legali

Si è concluso questo pomeriggio il ‘Primo incontro annuale della Procura arbitrale’, svoltosi presso l’hotel ‘Sea Lion’ di Montesilvano, provincia di Pescara, nell’arco di due giorni. Ad aprire i lavori odierni Rosario D’Onofrio, Procuratore Arbitrale, che ha voluto condividere con i presenti una rivisitazione de ‘Il mio canto libero’, cantata dai ragazzi della sezione di Cinisello Balsamo, diretti da Luca Sarsano.

A seguire Alberto Petrelli, Responsabile del Servizio Istruttivo Nazionale, ha aperto un focus sulle verifiche condotte nella passata Stagione Sportiva, sottolineando quanto sia stata proficua la collaborazione con la Procura.

Successivamente, Mauro Carboni, Presidente della Commissione di Disciplina nazionale, ha anche lui ‘riavvolto il nastro’, concentrandosi sulle difficoltà incontrate sin dal momento della sua nomina ad oggi. Non sono mancati riferimenti sull’andamento dei vari procedimenti che, in media, hanno una durata di circa 45 giorni.

Spazio anche per il Presidente della Commissione Disciplina d’Appello, Giuseppe Fonisto, che ha voluto ricordare le basi della loro attività: trasparenza, lealtà, imparzialità e priorità. Nelle sue parole si è evinto  un grande senso di responsabilità per il suo incarico: “L’AIA investe e si aspetta tanto da noi, ha grande rispetto per quella che è l’autonomia e l’indipendenza della Commissione Disciplina d’Appello”.

Valerio Di Stasio, Responsabile degli Esperti Legali dell’AIA, ha basato il proprio intervento non solo sull’importanza del ‘massimario’, un indice di procedimenti che raccolgono le diverse pronunce con il fine di facilitare la visionatura dei precedenti, ma anche sulle modifiche effettuate nell’ambito delle norme disciplinari e sul regolamento di giustizia domestica. Così ha concluso il suo intervento: “Non abbiate fretta di concludere il vostro compito inquirente, non possiamo permetterci di sbagliare”.

Nella giornata di ieri si è parlato anche di collaborazione, che è stata messa subito in atto dal Componente della Commissione Informatica dell’AIA Giovanni Pantalone: in tempo reale ha apportato tutte le modifiche proposte relative alla digitalizzazione dell’istruttoria che erano state richieste dai partecipanti.

Sono intervenuti anche il Vicepresidente della Commissione Disciplina d’Appello, Giampaolo Bacicchi e il Componente della Commissione Disciplina Nazionale Ugo Pizzini.

“Ringrazio la Presidenza e il Comitato Nazionale per aver reso possibile questo evento, direi storico, di crescita e confronto tra gli organi di disciplina dell’AIA. Un ringraziamento particolare al mio segretario Gaetano Rutigliano con il quale ho condiviso diverse ore notturne, nell’ultimo periodo, affinchè questo evento potesse riuscire nel migliore dei modi. Ad maiora”. Così il Procuratore Arbitrale, Rosario D’Onofrio, ha concluso il raduno. 

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri